sabato 31 gennaio 2009

guardare un fiore che muore




Dei tulipani si potrebbe credere che la loro eleganza eretta e severa sia sempre irreprensibile. Invece quando il tulipano sta per morire si abbandona alla fine con una lassitudine quasi scomposta. Spalanca la corolla come le gonne una ragazza facile e mostra gli stami declinanti. Perde anche le antere e il filamento resta nudo, deprivato. Poi uno o due petali cadono accanto al vaso e lasciano aperto uno squarcio nella corolla. 


Vedere invecchiare e poi morire un tulipano fa particolarmente male perché la sua bellezza è stata sovrana, misteriosa, compatta, senza niente di superfluo o ridondante. Un’unica linea elegante intrisa di colore. 


Non invecchia come la rosa, il tulipano. La rosa dal gambo lungo si chiude in se stessa, come offesa, si ritira e inaridisce chiusa nel suo dolore. E il capo che reclina conserva la sua forma e quasi intatto il suo colore. 






Il tulipano sbiadisce e crolla. Il disfarsi del tulipano è più doloroso perché sembra arrendersi ad una violenza che lo scuote e lacera irreparabilmente. Mentre della rosa morente sembra sempre che si possa correre in soccorso, sollevandole il capo, rinfrescandola e rianimandola. Ancora un giorno, pensiamo, resiste ancora un giorno. 

In realtà la rosa è già morta ma recita per noi la parte dell’ammalata. La rosa ci illude ed essere illusi ci piace. Per un po’ almeno. Il tulipano, lui, non sa fingere. Si disfa e muore e subito sappiamo che non serve raccogliere il petalo e nasconderlo e ruotare un po’ il vaso perché la falla nella corolla non sia visibile. Il tulipano crolla davanti a noi, impudico e sincero. 

Nessuno può essere chiamato a dire se ami più il tulipano o la rosa. Ma della loro morte propendo a credere che quella della rosa non sia toccante quanto quella del tulipano.





venerdì 30 gennaio 2009

MANIFESTO PER LA SOLIDARIETA

MANIFIESTO POR LA SOLIDARIDAD

QUIENES SOMOS:

Los que suscribimos este manifiesto somos ciudadanos en el pleno uso de nuestros derechos civiles, y titulares de la soberanía popular, de la cual emanan los poderes del Estado.

Los firmantes nos dirigimos a todos los ciudadanos del mundo, conocedores de la situación de pobreza, hambre y enfermedad en la que se encuentra gran parte de la población humana en un momento histórico, como el actual, en el que se disponen de los suficientes medios políticos, económicos y científicos que pudieran solucionar estos problemas.

Este manifiesto tiene vocación de universalidad, y va dirigido a toda la humanidad, a cada ser humano que habita el planeta, para que tome conciencia de la terrible situación a la que se enfrentan millones de personas y de alguna manera actúe en consecuencia para terminar con esta insostenible situación. Por ello la versión original en español será traducida a diversas lenguas, pues nuestro propósito consiste en hacer oír la voz de la opinión pública en los lugares en las que se toman las decisiones políticas y económicas del mundo.

A QUIÉN NOS DIRIGIMOS:

Nos dirigimos a la clase política gobernante de nuestros países; así como a los más altos mandatarios de las Organizaciones Internacionales, tales como la Organización de las Naciones Unidas, y a los Presidentes y Gobiernos de los países más poderosos económicamente de la Tierra.


LES MANIFESTAMOS:

1.- Que este texto tiene su origen en la constatación de la extrema situación de necesidad y de hambre que sufre una gran parte de la población de la Tierra y en el desigual e injusto reparto de bienes que existe actualmente en el mundo. Entendemos que la ecuanimidad y la armonía en el mundo tienen por base el reconocimiento de la dignidad intrínseca y de los derechos iguales e inalienables de todos los miembros de la familia humana, por lo cual es inadmisible que una gran parte de la población mundial tenga que enfrentarse a una realidad tan precaria, a tal grado de injusticia y desigualdad, a tanta hambre, pobreza y desnutrición.

2.- Que consideramos que dicha situación es intrínsecamente perversa y no admisible ni moral ni éticamente, dado que todos los seres humanos nacen libres e iguales. Igualmente, tenemos presente que todos los ciudadanos del mundo tienen esos derechos desde el mismo instante de su nacimiento y no como una promesa futura cuya conquista dependa de la realidad política, social o económica de sus países.

3.- Que defendemos que es completamente injusto, inmoral y un crimen humanitario punible ante los tribunales internacionales y la Historia que, en pleno Siglo XXI, existan seres humanos que pasen hambre en el mundo, y que mueran por ello. Que es un agravante de ese crimen que, existiendo las leyes internacionales suficientes, así como los medios técnicos, económicos y científicos para corregir dicha situación, los que ejercen el poder en el mundo no lleven a cabo las acciones necesarias para solucionar lo que generaciones futuras calificarán de verdadero genocidio en el que serán culpables todos aquellos que, teniendo los medios para solucionar el problema, no los hayan empleado.

4.- Que consideramos que esta injusta situación es contraria al Derecho Natural, a los Derechos Humanos y a las normas de la más elemental ética, y entendemos que ha llegado el momento de que la voz de la opinión pública exija de sus gobernantes el final de tal estado de cosas.

5.- Que el presente manifiesto no es un manifiesto utópico; y que tampoco es un manifiesto político, ni se pretende con el mismo la instauración de un nuevo orden político o socio-económico mundial, ni ningún menoscabo del tejido empresarial, sanitario y social del mundo desarrollado, sino la más elemental justicia con los desfavorecidos.

POR TODO ELLO, EXIGIMOS A NUESTROS GOBERNANTES:

1.- La adopción de medidas inmediatas y urgentes para paliar tal situación de hambre, enfermedad y desnutrición en el tercer mundo. Consideramos que tales medidas no constituyen una utopía, sino que son perfectamente viables y posibles.

2.- Mantener el compromiso de cumplir los Objetivos del Milenio que, establecidos por Naciones Unidas en el año 2000, definen los principios a los que ha de ajustarse la actuación de los países y del sistema económico internacional para superar, con el horizonte fijado en 2015, las injusticias que aquejan a la humanidad.

3.- La realización de acciones solidarias sistemáticas con los países más desfavorecidos y que se establezca un orden lógico y humano de prioridades en la política económica, con proyectos inteligentes que creen riqueza y puestos de trabajo en los países afectados, facilitando un desarrollo sostenible y un progreso que les ayude a la consolidación de una red sanitaria, económica y social estable que haga posible el retorno a una situación de partida igualitaria.

4.- Que se tomen las medidas necesarias para que los países ricos destinen una parte de sus presupuestos a la creación de riqueza, de empresas y de fuentes de trabajo en los países afectados; así como la adopción de un acuerdo internacional, que debería subscribirse en la ONU de obligado cumplimiento para los países desarrollados.

5.- La implantación de un código ético que regule la estrategia de las empresas multinacionales, así como la eliminación de los paraísos fiscales y la aplicación de la tasa Tobin, ú otra similar, a las transacciones comerciales internacionales, que permita crear un fondo de solidaridad gestionado por Naciones Unidas.

6.- No aceptaremos simples declaraciones de principios que no se traduzcan en políticas concretas. En definitiva, APELAMOS al sentido de la generosidad y humanidad de todos, y fundamentalmente de la clase política internacional económicamente poderosa.

Desde la tierra que espera y cree firmemente en la Solidaridad que construya un mundo mejor y más justo, a 30 de enero de 2009"



MANIFESTO DI SOLIDARIETA


CHI SIAMO

Gli aderenti a questo manifesto siamo cittadini nel pieno uso dei nostri diritti civili, e titolari della sovranitá popolare, dalla cuale emana il potere dello Stato.

I sottoscritti ci rivolgiamo ai cittadini del mondo, consapevoli dello stato di povertá, fame e malattia in cui si trova una gran parte della popolazione umana in un momento storico come l’attuale, cuando si hanno a disposizione tanti strumenti politici, economici e scientifici che potrebbero risolvere questi problemi.

Questo manifesto é un appello universale rivolto a tutta l’umanitá, a ogni essere umano che abita nel mondo, affinche diventi cosciente della terribile situazione che affrontano milioni di persone e in qualche modo agisca per fare fine a questa situazione insostenibile. Ed é per questo che la versione orignale é in spagnolo; il nostro proposito é quello di far sentire la voce dell’oppinione pubblica nei luoghi dove si decidono i destini politici ed economici del mondo.


A CHI CI RIVOLGIAMO

Ci rivolgiamo alla classe politica che governa i nostri paesi; anche ai mandatari delle Organizzazioni Internazionali, tale come l’ONU, e ai Presidenti e Governi dei paesi piú ricchi del mondo.


MANIFESTIAMO

1.- Che questo testo nasce dalla constatazione dell’ estrema condizione di necessitá e di fame che soffre una gran parte della popolazione mondiale e nella disuguale e ingiusta distribuzione dei beni che esistono attualmente nel mondo. Intendiamo che l’equanimitá e l’armonia nel mondo si basano nel riconoscimento della dignitá e dei diritti inalienabili dei membri della famiglia umana, quindi é inammissibile che una gran parte della popolazione mondiale debba far fronte a una realtá tanto precaria, a un tale grado d ingiustizia e disuguaglianza, a tanta fame, povertá e denutrizione.

2.- Che consideriamo che questa situazione é sostanzialmente perversa e non puó essere ammessa né moralmente né eticamente, dal momento che tutti gli esseri umani nascono liberi ed uguali. Abbiamo anche presente che tutti i cittadini del mondo hanno questi diritti fin dal momento della nascita e non come una promessa futura che dipenderá dalla realtá politica, sociale o economica dei loro paesi.

3.- Che difendiamo che é totalmente ingiusto, immorale ed é un crimine umanitario punibile dai tribunali internazionali e la Storia, il fatto che in pieno Secolo XXI, esistano esseri umani che muoiono di fame nel mondo, con l’ aggravante che esistendo leggi internazionali e mezzi tecnici, economici e scientifici per correggere ció che accade, coloro che esercitano il potere nel mondo non prendano le azioni necessarie per risolvere quello che le future generazioni giudicheranno come un vero genocidio, dove i colpevoli saranno tutti quelli che, avendo i mezzi per risolvere, non li abbiano usato.

4.- Che consideriamo che questa situazione é contraria al Diritto Naturale, ai Diritti Umani e alle elementali regole di etica, e intendiamo che é arrivato il momento in cui la voce dell’oppinione pubblica esiga dai propri governanti la fine di questa situazione.

5.- Che questo manifesto non é né utopistico né politico; non é a discapito delle aziende, sanitarie e sociali del mondo svilluppato, e non pretende neanche l’instaurazione di un nuovo ordine politico o socio-economico mondiale, ma la piú elementale giustizia con i meno privilegiati.


DI CONSEGUENZA, ESIGIAMO DAI NOSTRI GOVERNANTI:

1.- L’adozione di azioni immediate e urgenti per affrontare il problema della fame, delle malattie e della denutrizione nel terzo mondo. Consideriamo che queste azioni non sono un’utopia, anzi, sono perfettamente realizzabili.

2.- Mantenere l’impegno di compiere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, che stabiliti dalle Nazioni Unite nel 2000, definiscono i principi che impegnano i paesi a fare ció che é necessario per superare, entro il 2015, le ingiustizie che soffre l’umanitá.

3.- La realizzazione di azioni solidarie sistematiche con i paesi in svantaggio e che si stabilisca un’ordine logico e umano di prioritá nella politica economica, con proggetti intelligenti capaci di creare ricchezza e posti di lavoro, nei paesi poveri, facilitando uno sviluppo sostenibile e un progresso che possa aiutarli, alla stabilizzazione di una rete sanitaria, economica e sociale che sia capace di permettere il ritorno a un punto di partenza ugualitaria.

4.- Prendere i provvedimenti necessari affinché i paesi piú ricchi destinino una quota del loro bilancio per creare ricchezza e lavoro nei paesi piu svantaggiati; l’adozione di un accordo internazionale, che dovrebbe sottoscriversi all’Onu, di obbligato adempimento per i paesi piu sviluppati.

5.- L’adozione di un codice etico che regoli le strategie delle multinazionali, l’eliminazione dei paradisi fiscali e l’applicazione della tassa Tobin, o similare, al commercio internazionale per creare un fondo di solidarietá gestito dalle Nazioni Unite.

6.- Non accetteremo semplici dichiarazioni di principi che non possano tradursi in politiche concrete. In definitiva, facciamo APPELLO al senso di umanitá e di generositá di tutti, specialmente della classe politica internazionale economicamente potente.

Dalla terra che spera e crede ferventemente nella Solidarietá che costruisce un mondo migliore e piu giusto, 30 gennaio 2009.



L'iniziativa, segnalatami da Pietro, è partita da CORNELIVS.
Pubblico questo Manifesto, non perché io mi aspetti di essere ascoltata, ma perché toccata dalla fiducia e dalla speranza di tante persone che in questo stesso giorno lo pubblicano in tanti paesi del mondo e perché penso che qualunque piccolo gesto sia meglio di niente. 

giovedì 29 gennaio 2009

gente di sinistra/due


A Chianciano Terme è tornata a incontrarsi la minoranza di Rifondazione. Ufficialmente per un seminario, "Rifondazione per la Sinistra". In realtà è stato il battesimo di un nuovo soggetto politico che, se non si vuole chiamare partito, ne ha però tutta l'aria. E' comunque una scissione. Al momento non se ne conosce l'entità, ma non è questo che mi interessa. 
Mi colpisce che, nel momento in cui si avrebbe bisogno del massimo di unità per fronteggiare una destra aggressiva e pericolosa, in atto di riscrivere la nostra stessa storia e la nostra Costituzione, ci si disperda in minuscoli ed aridi rivi.
Ma gli dei accecano coloro che vogliono perdere. E, se hanno deciso di perdere la sinistra, gli dei probabilmente hanno le loro ragioni.
Ho letto il discorso di Niki Vendola a Chianciano e la risposta di Ferrero nelle agenzie di stampa. Sintetizzando al massimo, il primo accusa il secondo di "deriva identitaria" e "torsione vetero-comunista". Il secondo avverte il primo che la sua è una "scissione a destra e verso il PD, con il rischio di subalternità."  

Io assisto incerta tra il riso e il pianto. A qualunque parte politica apparteniate è difficile non riconoscere l'intelligenza dei due. Personalmente credo anche alla loro buona fede. Eppure.


Sere fa' ho ascoltato Niki Vendola in televisione. Parlava del suo imminente distacco da Rifondazione Comunista.
Ha parlato del disagio di vivere da separati in casa, ha parlato della possibilità di rincontro con le persone da cui si separa, quando le asprezze si saranno allontanate. Ha parlato di sentimenti.
Ho apprezzato la novità del linguaggio, su questo nulla da obiettare -niente di rigidamente politico, l'uso della parola "sentimenti" dà la misura del dramma personale che le persone vivono dietro i conflitti politici-, ma non vedo nessuna novità nell'ennesima scissione. E vorrei chiedergli: dov'è la tua modernità? Dividersi per unire è moderno? Mi pareva cervellotico.

Qualche sera prima avevo invece ascoltato Paolo Ferrero nella stessa trasmissione. Il suo linguaggio è completamente diverso, per me più familiare. Ma vi sento anche un'eco stereotipata. Ha comunque  respinto con chiarezza alcune assurde affermazioni di suoi compagni di partito (nostalgici del muro di Berlino) con un sorriso divertito. E ha indirizzato il suo discorso su alcune concrete battaglie che spettano alla sinistra. Però avrei voluto chiedergli se quelle sacrosante battaglie pensa di vincerle da solo. E se no con chi. O forse è sufficiente testimoniare? 

Perché mi soffermo sul linguaggio?
Non solo perché per me il linguaggio è sempre di grandissimo interesse, ma anche perché dietro le politiche ci sono gli uomini e a me piace studiarmeli. Inoltre non riesco ad accettare fino in fondo l'incapacità di superare le diatribe sulle alleanze per pensare un cammino comune, per tirare fuori idee, progetti, per identificare una prospettiva. Mi rifiuto cioè di analizzare la divisione tra questi due spezzoni di sinistra con le loro ragioni. Quelle ragioni per me dovrebbero saperle ricomporre o scavalcare. Alla sinistra piace da sempre discutere di formule e intanto che loro discutono gli elettori se ne vanno e la fiducia anche.

Io assisto a questa ennesima scissione con una specie di rassegnazione che non esclude il disgusto.

Quello che so è che non riesco ad identificarmi in nessun partito, che nessuno mi rappresenta.
Non nel Parlamento dove l'opposizione mi offre o il PD e i suoi contorcimenti tra un centro che è più una destra clericale e una sinistra che sembra solo una indicazione stradale. -Dov'è la farmacia? in fondo a sinistra-; o l'Italia dei Valori, una forza ambigua che pesca tra gli scontenti per pescare consenso e salta su quel che resta della opposizione civile come le mosche sui cavalli secchi; né fuori del Parlamento, dove, a mio avviso, ci sarebbe bisogno di raccogliere e unire e non di dividersi e i responsabili giocano a scacchi in partite la cui posta mi sfugge, a meno che la posta non sia mettere il cappello sulla parola sinistra.

Non credo di essere la sola a non sentirmi rappresentata. Ma mi rifiuto di approdare da Camilleri, il papà di Montalbano. Ho appena appreso infatti che vuole costituire "il partito della gente di sinistra non rappresentata da nessuno". SIC! Ho molte elezioni alle spalle ma un commissario di PS ancora non l'ho mai votato!

Intanto il PD e l'IdV, è notizia di ieri sera, si accordano con la maggioranza sulla nuova legge elettorale per le elezioni europee: soglia di sbarramento al 4%. Va bene evitare che forze con lo 1,1 % mandino un loro rappresentante a riscuotere alla cassa del Parlamento europeo (vedi lista Mussolini alle ultime europee) ma sarebbe bastato un punto in meno per evitare lo sgradevole sospetto che il PD e l'IdV vogliano risucchiare il residuo elettorato di sinistra ormai allo sbando, tenendo fuori dal Parlamento europeo come già da quello italiano i partiti della sinistra radicale, essenzialmente Rifondazione. 
Piccoli non rappresentati crescono. 

Non avendo né l'interesse né il talento politico per raccogliere personalmente i non rappresentati di sinistra, me ne sto nella mia solitudine politica.

Ma la solitudine dà una grande libertà. Non solo nella vita individuale.
Approfitterò di questa libertà per distribuire i miei malumori su tutti gli innumerevoli spezzoni che si richiamano alla sinistra. Tenuto conto di quanti malumori ho io e di quanti spezzoni sono loro, avrò il mio da fare.






mercoledì 28 gennaio 2009

segnalazioni/DDL 1360

Guglielmo ha svolto la sua indagine sui firmatari del PD e ha ottenuto una prima risposta.
Questo è il link

gente di sinistra/uno


Mangiavo pane e politica.
Sono riusciti a farmi passare l'appetito.











Sulla scissione di Vendola e compagni da Rifondazione tornerò poi. Nell'immediato dal cuore mi è uscito questo.

martedì 27 gennaio 2009

esilarante

Con una direttiva ai Prefetti Maroni stabilisce il divieto di far passare le manifestazioni "in prossimità di luoghi di culto, opere d'arte e luoghi significativi".
Tutto è nato dall'insopportabile oltraggio dei mussulmani che hanno pregato davanti alla Chiesa di San Petronio a Bologna, davanti al Duomo di Milano e davanti al Colosseo.
Mi chiedo dove passeranno a Roma i cortei di protesta. In città non c'è praticamente modo di percorrere 100 metri senza imbattersi in un' opera d'arte ma, soprattutto, in una chiesa. Attendo fiduciosa di sfilare sul Grande Raccordo Anulare.

segnalazioni/ DDL 1360: i firmatari

Incredula, quando ha letto nel commento di Franca che tre parlamentari PD erano tra i promotori del DDL 1360, Chiara ha fatto la sua ricerca i cui risultati sono qui. Vi anticipo i nomi: Giampaolo Fogliardi, Paolo Corsini, Franco Narducci.
La ringrazio.

giornata della memoria che si vuole soffocare

A Roma le manifestazioni per celebrare la giornata della memoria si sono tenute in due giornate fitte di iniziative. Il Sindaco Alemanno sta girando come una trottola per essere ovunque e ripetere ovunque la sua condanna del nazifascismo. Ma sarà un suo uomo, Edmondo Cirielli, che presiede la commissione Difesa della Camera dei Deputati, a fare da relatore del Disegno di Legge 1360, quello con cui si vogliono equiparare i combattenti per la Libertà e i repubblichini di Salò, i partigiani che il nazi-fascismo lo combatterono a prezzo della vita e i "collaborazionisti e traditori della Patria" (come una sentenza della Corte di Cassazione oramai divenuta giurisprudenza li definì) che volevano invece consegnare  l'Italia ad Hitler.




Ieri pomeriggio si è tenuto un incontro dedicato alla discussione di questo ennesimo tentativo della destra di capovolgere la realtà storica di quegli anni. L'incontro è stato promosso dall' ANPI, rappresentato da Armando Cossutta, e  vi hanno partecipato Giuliano Vassalli già membro della giunta militare del CNL, poi Presidente della Corte Costituzionale e lo storico Antonio Parisella, nella veste di padrone di casa. Infatti l'incontro si è tenuto a via Tasso, nella sede del Museo Storico della Liberazione di Roma di cui Parisella è Presidente. 

Prima di parlarvi della assemblea, perché è stata proprio questo, un'assemblea di cittadini, voglio dire qualche cosa sul luogo. Non per i romani, perché a Roma dopo sessanta anni quel nome, via Tasso, è ancora capace di dare i brividi. Ma per tutti gli altri.

A via Tasso non si entra spensierati e disinvolti
Quel luogo è terribile e sacro insieme. Nei venti mesi dell'occupazione nazista via Tasso fu la sede del comando di polizia tedesco. Nelle sue celle venivano portati gli antifascisti romani e qui venivano interrogati e torturati dalla Gestapo al comando di Kappler. Da qui uscirono anche coloro che furono poi uccisi alle Fosse Ardeatine.
Non sono mai riuscita a sentirmi leggera in quei locali, né quando vi portavo i miei alunni né quando li visitavo per mio conto: l'orrore vissuto lì dentro e i ricordi e le testimonianze esposte me lo hanno sempre impedito.
Ma Giuliano Vassalli, che vi fu imprigionato e torturato, vi entra sorridente, con il suo passo lento e un po' impacciato, curvo sotto il peso dei suoi 93 anni e di quello che poi chiamerà "turbamento".
Le tre stanzette che costituiscono l'ingresso, la biblioteca e l'archivio, erano gremite. Poco meno di 200 persone in locali fatti per accoglierne, forse, la metà. Tra questi una ventina di giovani. In prima fila sedeva Elvira Paladini che, prossima ai 90 anni, ancora si occupa delle visite dei giovani a quei locali dove suo marito, Arrigo Paladini, fu torturato. 

Armando Cossutta, 83 anni cui è difficile credere, parla a braccio, e illustra minuziosamente il testo del DDL 1360. 

Con questo si istituisce una onorificenza, l'Ordine del Tricolore.

1. L'onorificenza è conferita a coloro che hanno prestato servizio militare, per almeno sei mesi, in zona di operazioni, anche a più riprese, nelle Forze armate italiane durante la guerra 1940-1945 e invalidi, o nelle formazioni armate partigiane o gappiste, regolarmente inquadrate nelle formazioni dipendenti dal Corpo volontari della libertà, ai combattenti della guerra 1940-1945, ai mutilati e invalidi della guerra 1940-1945 titolari di pensione di guerra e agli ex prigionieri o internati nei campi di concentramento o di prigionia, nonché ai combattenti nelle formazioni dell'esercito nazionale repubblicano durante il biennio 1943-1945.

Il veleno è in quel nonché, infatti i "combattenti nelle formazioni dell'esercito nazionale repubblicano durante il biennio 1943-45" sono i militari che scelsero di combattere per la repubblica di Salò a fianco dei nazisti, contro il loro paese.
Scelta obbligata tenteranno di dire. Ma noi sappiamo, come lo storico Parisella ci ricorda, che 600.000 -seicentomila- soldati italiani, per non fare quella scelta, finirono nei campi di lavoro tedeschi. Scelta dunque che si poteva evitare, scelta, punto e basta.
Cossutta ricorda anche chi si nasconde dietro quella definizione: gli appartenenti alle famigerate bande fasciste che collaborarono con i nazisti, la Legione Muti, la banda Koch, e le altre che perseguitarono, torturarono e uccisero migliaia di antifascisti, partigiani ed ebrei.


Poi parla Vassalli. Parla seduto e se ne scusa. Tiene un foglietto in mano con qualche appunto, ma vi getta solo un'occhiata ogni tanto per non lasciarsi sfuggire nessun passaggio.
Fa un discorso in punta di diritto, perché, dice "dovete saper rispondere in modo corretto". 
Spiega come questo disegno di legge è viziato alla base da una autentica "improcedibilità", perché lo Stato vuol dare l'onorificenza a chi non lo riconobbe e combatté contro di lui in favore di un altro Stato, il Reich tedesco.

Il concetto di continuità dello Stato è il cuore del ragionamento giuridico. 
Lo Stato Italiano era la Monarchia sabauda che aveva sostituito Mussolini, Capo del Governo, con Badoglio. La legalità era Badoglio e le forze armate nazionali italiane erano quelle che combattevano con le truppe alleate per liberare l'Italia dall'esercito tedesco, divenuto esercito occupante. La continuità dello Stato non è mai stata messa in discussione da nessuno. Fu quello Stato Monarchico e con le sue stesse procedure che si trasformò in Repubblica Italiana. 
Può ora questa Repubblica Italiana attribuire una onorificenza a coloro che, staccatisi dal corpo dello Stato Italiano in nome della fedeltà ad uno Stato straniero e nemico, lo combatterono? Ai "traditori della Patria"?
Il fatto che non vi fosse continuità politica tra la Monarchia sabauda, complice del fascismo, e la repubblica Italiana, nata dalla Resistenza, con la sua Costituzione, non deve far dimenticare che vi fu continuità giuridica. 
Vassalli sottolinea questo concetto importante come base non morale ma giuridica dell'opposizione al DDL 1360.
Quando parla della base morale parla del suo turbamento per questa equiparazione che mira a confondere nella memoria storica del popolo italiano coloro che scelsero di stare dalla parte della libertà e coloro che li perseguitarono, torturarono ed uccisero.

Lo storico Parisella termina l'incontro ricordando che la sola forma di equiparazione possibile è già stata fatta dalla Repubblica Italiana. Immediatamente con l'amnistia e quindi con le sue leggi che hanno permesso agli eredi del fascismo di godere da subito di tutti gli stessi diritti civili e politici di qualunque cittadino italiano. Formarono un partito, il Movimento Sociale Italiano, furono eletti in Parlamento, divennero Deputati e Senatori, appoggiarono Governi, ebbero Ministri...ma una onoreficenza NO! Essa falsificherebbe ignobilmente la nostra storia.

I relatori ci invitano al massimo di mobilitazione. Nella città ci saranno assemblee in ogni quartiere. Iniziative a livello nazionale sono in preparazione. Altre due volte si è tentata dalla destra un'operazione come questa da cui poi dovette recedere; ma questa volta il pericolo è molto più grande dati i rapporti di forza nel Parlamento e l'esclusione da questo di forze politiche che si rifanno all'antifascismo.

Io esco più rinvigorita dal contatto con quei vecchi tenaci e lucidi che non si stancano di indicarci la strada.
Tornata a casa mi studio bene il DDL 1360 che potrete leggere qui
In esso compare la parola "pacificazione". Io dico che la pacificazione non può avvenire attraverso la menzogna e il sovvertimento della realtà.





lunedì 26 gennaio 2009

giornata della memoria 2009





*********** ************* ************** ***********




Oggi pomeriggio si terrà questo incontro al Museo Storico della Liberazione di Roma.


domenica 25 gennaio 2009

amore in musica e in poesia




Close to you

Why do birds suddenly appear
Every time you are near?
Just like me, they long to be
Close to you.

Why do stars fall down from the sky
Every time you walk by?
Just like me, they long to be
Close to you.

On the day that you were born
The angels got together
And decided to create a dream come true
So they sprinkled moon dust in your hair of gold
And starlight in your eyes of blue.

That is why all the girls in town
Follow you all around.
Just like me, they long to be
Close to you.

On the day that you were born
The angels got together
And decided to create a dream come true
So they sprinkled moon dust in your hair of gold
And starlight in your eyes of blue.

That is why all the girls in town
Follow you all around.
Just like me, they long to be
Close to you.
Just like me (Just like me)
They long to be
Close to you.

Wahhhhhhhhhhh, close to you.
Wahhhhhhhhhhh, close to you.
Hahhhhhhhhhhh, close to you.
Lahhhhhhhhhhh, close to you.



Michele Mari
da "Cento poesie d'amore a Ladyhawke"

Nella mia testa
c'è sempre stata una stanza vuota per te
quante volte ci ho portato dei fiori
quante volte l'ho difesa dai mostri.

Adesso ci abito io
e i mostri sono entrati con me.

-------------

Tu non ricordi
ma in un tempo
così lontano che non sembra stato
ci siamo dondolati su un'altalena sola.

Che non finisse mai quel dondolio
fu l'unica preghiera in senso stretto
che in tutta la mia vita
io abbia levata al cielo.

-------------
Ero fatto per esserti fedele
ma tu mi sei passata davanti
come un treno che non ferma
così lo scambio mi ha deviato sul binario
dei traditori e dei puttanieri

------------

I funerali del papa
e quelli del nostro amore
si sono celebrati insieme

Se penso
che m'innamorai di te
sotto Paolo VI
mi sembra che questa storia duri
dai tempi di Gregorio VII
o d'Innocenzo III
anzi adesso che controllo
è proprio così


sabato 24 gennaio 2009

al lavoro!

Non deturperò questo blog esteticamente sobrio con l'immagine di W. Bush, ma è di lui che si parla. Anche se non solo.

Nel libro che ho appena terminato di leggere "Con uno sguardo diverso", Christa Wolf  descrive il suo soggiorno americano del 2001.
Il 27 settembre, a Los Angeles, ascolta alla radio un commentatore che illustra il discorso di W. Bush dopo l'attentato alle Torri gemelle. Giunto alla frase "Chi non è con noi è con i nostri nemici", il giornalista dichiara di trovarla "adeguata a questi tempi". 
Così commenta la Wolf: 
Forse non sa che non sarà certo facile, quando "questi tempi" saranno passati, riaccendere il pensiero critico che è stato soffocato.

Ecco, questo è il problema anche nel mio paese: riaccendere il pensiero critico. 
Lavoro che spetta  ai politici,  agli intellettuali, ai giornalisti, scrittori, artisti, insegnanti, ecc.ecc.
Lavoro che possono fare tutti quelli che sono in posizione tale da essere ascoltati da molta gente.
Ma non solo. Lavoro che spetta ad ogni cittadino. "Il cambiamento, mi ha scritto opportunamente Roberta, non sta mica solo nelle mani di chi governa." 
Né di chi non governa, aggiungo io.
Ha ragione. Il cambiamento sta anche nelle nostre mani. 
E dunque: gettare i semi del dubbio qui e là, in ogni incontro. Infilare delle zeppe nei meccanismi ben oliati dello sragionare comune. Essere sempre un po' più informati degli altri e correggere, ricordare, sottolineare, far osservare...
Va beh, vado al lavoro!

venerdì 23 gennaio 2009

il giustacuore

Disse il Professore, con un'ombra di rammarico nel sorriso:
-Tutti si dimenticano di noi. Funziona così. Ci lasciano cadere come stracci vecchi.

-Non io.- replicai. -Io no. Io non lascio mai cadere nessuno come uno straccio vecchio.
Assentì. -Le credo, signora. Assolutamente. Ma me, mi lascerà cadere.
-Scommettiamo? replicai.

Quando questo breve scambio mi torna in mente -e mi torna in mente spesso- sorrido e vorrei andare a riscuotere la mia posta.
Ma poi lascio tranquille le acque e mi limito a cucirmi addosso i miei vecchi stracci a mo' di giustacuore.

Ma qualche altra volta il pensiero della mortalità del Professore mi coglie improvviso come una catastrofe irreparabile e allora subito ne cerco notizie.
Rassicurata, mi stringo meglio addosso quel vecchio straccio mai lasciato cadere. Del giustacuore non so fare a meno.

giovedì 22 gennaio 2009

tremebondi...

Ieri l'Assemblea di tutti i parlamentari del PD ha chiuso la sua discussione sul testamento biologico decidendo di non decidere.
Non si è votato, ma si è stesa una bozza in quindici punti, "il documento Sereni" che la sua redattrice definisce "posizione prevalente".
Preliminarmente la mia coscienza di parlante in lingua italiana è insorta: Se è una posizione prevalente perché non è diventata maggioranza con un bel voto?

Successivamente me la sono andata a leggere questa posizione prevalente.
Eccola:


20-01-2009
Utili se riusciamo
a incidere per una buona legge.

Su questo concordo. Se non ci riuscite cosa pensate di fare?

Due mezze giornate di assemblea dei Gruppi parlamentari di Camera e Senato, un dibattito intenso, impegnato, un'elaborazione positiva su uno dei temi più delicati e complessi che il Parlamento è chiamato ad affrontare nelle prossime settimane: il testamento biologico o, come ormai scritto in quasi tutte le proposte di legge, la Dichiarazione Anticipata di Trattamento.

"Testamento biologico" vi faceva paura? Che è 'sta DAT? Pura ipocrisia farisaica.
Ma andiamo avanti.


Dobbiamo dire innanzitutto che se oggi viene riconosciuta la necessità di una legge è in gran parte merito dell'iniziativa del Pd che nella precedente legislatura, al Senato in particolare.....

Qui ho tagliato perché è tutto un  bla bla autoincensorio, ma vi assicuro che non vi siete persi niente. Del resto potete leggere qui

Anche sulla Dichiarazione Anticipata di Trattamento molti i punti che ci uniscono: si tratta di dare attuazione all'articolo 32 della Costituzione anche in quelle situazioni in cui la persona non è più in grado di esprimersi autonomamente. Si tratta quindi di affermare la libertà di scelta circa le cure cui una persona intende o non intende sottoporsi, attraverso la DAT (di durata definita, modificabile e revocabile in qualsiasi momento) e un "fiduciario", un soggetto cui si affida il compito di far rispettare le proprie volontà in caso di incapacità. 

Quindi l'articolo 33 (Che ogni dio benedica sempre la Costituzione) troverebbe attuazione attraverso la DAT e un fiduciario. Ma mi piacerebbe capire meglio il senso della "durata definita".

Sulla questione più controversa, la possibilità di sospendere l'alimentazione e l'idratazione artificiale, nel confronto di queste settimane è emersa una posizione che a me sembra convincente e utile. Si può riassumere in tre elementi: idratazione e alimentazione, essendo un atto medico ma non assimilabili ad una terapia, debbono essere assicurati ad ogni paziente, a meno che la loro sospensione non sia espressamente scritta nella DAT. Idratazione e alimentazione artificiali possono altresì essere sospese in casi di stati neurovegetativi assimilabili alla fine vita. Per questo viene istituita una Commissione speciale di scienziati con il compito di definire i diversi stati di gravità degli stati neurovegetativi, fino a quello assimilabile alla fine vita.

Domanda: a questi scienziati verrà posto un termine temporale? O discetteranno sine die?
Confesso che l'idea dell'alimentazione e idratazione artificiale come "atto medico ma non terapeutico" mi lascia perplessa, molto, molto perplessa. Ma comunque: se questa è la posizione prevalente, porca di un mondo boia, perché non l'avete votata?
Di che avete paura? Forse la Binetti è manesca?


...Io invece penso che abbiamo fatto un buon lavoro, che su questi temi il dialogo e la mediazione hanno prodotto una elaborazione avanzata e positiva. Importante per il Pd, per la sua costruzione e identità, ma soprattutto utile se vogliamo contribuire a fare una legge giusta e umana.

Qui, Marina Sereni, mi dichiaro d'accordo con te: il NON DECIDERE  è il primo mattone della identità del PD. Che, dal non aver deciso niente, esce quindi rafforzata. 


mercoledì 21 gennaio 2009

versi e versetti

Somiglia il dono al donatore.

E' speziata l'amica che ti ha donato un tè alle spezie.
E il vecchio amante era rosso come il vino che ti donò.
Ma della rosa, della rosa, quale donatore avrà mai il profumo?




Somiglia il dono al festeggiato.

Sei come il vecchio disco,
che ti consegna il postino:
metà di note, metà di-scordanze.
Appassita, come l'argento dell'orecchino
per cui ringraziasti, un giorno.
Ma della rosa, della rosa avesti mai il profumo?

Astolfo il kirghiso

Il grado di affidabilità delle certezze è inversamente proporzionale alla loro grandezza. Detto altrimenti più una certezza investe grandi aree della vita, più è instabile, vacillante, inaffidabile...incerta.
Solo le piccole certezze sono certe.
Una di queste si chiama Astolfo.
Già il suo nome, da solo, è una certezza. Astolfo è il fedele compagno d'armi di Orlando, il cavaliere che non tradisce. Esiste anche l'Astolfo re longobardo che compare nell'Adelchi di Manzoni, un tizio infido e bellicoso, ma se voi vedeste l'Astolfo che ho in mente io, capireste subito che discende dal cavaliere dell'Orlando furioso.
Astolfo ha lunghi capelli, già neri, ora grigi, di un bel grigio ferro, e ingarbugliati quanto basta. Talvolta li serra in una coda di cavallo, quando fa freddo li tiene sciolti a scaldargli il collo e sulla testa si piazza un berrettino kirghiso in panno color caffellatte. Il pastore kirghiso di Leopardi girava con le sue greggi, invece Astolfo gira con i suoi cani. Una dinastia di cani. Prima la madre, poi i figli e le figlie, ecc...
Astolfo io lo incontro nel quartiere e ci fermiamo a parlare in brevi soste mentre i suoi cani sbadigliano di noia. Alcune volte ci facciamo solo un segno di saluto da un marciapiede all'altro. Ma il saluto è sempre un sorriso.
La mia certezza è il sorriso di Astolfo.
Astolfo ha fatto e fa ogni possibile mestiere creativo, cose strane e poco decifrabili per me, che hanno a che fare con la fotografia, la cinematografia, l'edizione artistica ed altre faccende complicate. Proprio ieri mi ha detto che sul suo biglietto da visita ha scritto solo il suo nome, Astolfo e, sotto, Esperto. Tanto per chiarirvi il tipo. In quanto creatore (non creativo, please!) Astolfo non ha orari e quindi gira per il quartiere quando ne ha voglia. E' così che ci incontriamo. Ci incontriamo da qualche decennio. Astolfo ha come tutti una vita. Cioè, immagino, problemi, preoccupazioni, difficoltà. Ma ha il sorriso e la battuta risolutiva sempre pronti. Da solo può salvarti una giornata. 
Astolfo è disincanto ed ironia. Cinismo morbido. Va in giro vestito come gli capita, perché porta sempre con sé il più impeccabile degli abiti: la sua intelligenza. Parlare con lui è un piacere. Astolfo scavalca signorilmente tutte le formule di circostanza, tutte le regole dell'approccio sociale. Neanche il mio formalissimo coniuge è mai riuscito a scalfire la sua verve confidenziale. Astolfo o lo adori o lo subisci. Io lo adoro. Ci sono mattine in cui uscendo di casa mi dico: speriamo almeno d'incontrare Astolfo. Perché, se incontri Astolfo, hai la piccola, insostituibile, medicamentosa certezza di sorridere: degli altri, della vita, di te.
Ieri ho incontrato Astolfo e volevo ringraziarlo così..

martedì 20 gennaio 2009

due conti

Non voglio rovinare la festa a nessuno, ma 170 milioni di dollari non vi sembrano un po' tantini per festeggiare l'elezione di Obama?
Sì, ma il grosso lo mettono gli sponsor, replicano. 
Sì ma il Governo Federale spende comunque 49 milioni di dollari! 
E altri 75 ne chiedono Washington DC, Maryland e Virginia.
Va bene che loro can, ma sempre tantini sono!
Ma forse sono moralista.

trafficare in cucina


Approfittando del suo stato di convalescente da un piccolo intervento chirurgico, la Terza Sorella mi ha chiesto di prepararle il dado per brodo di mia fattura.
Cosa cui ho provveduto questa mattina. Mi sono così ricordata che alcune di voi me ne avevano chiesta la ricetta, forse alla fine di settembre.
Sia pure in ritardo, eccola.





Occorrente:
300 grammmi di polpa di manzo magra, tritata.
300 grammi di sale grosso
300 grammi di verdure miste (sedano, carote, cipolle, basilico, salvia, rosmarino, aglio. Le proporzioni sceglietele in base ai vostri gusti).
1 pomodoro rosso (solo la polpa)
1 foglia di alloro
1 chiodo di garofano
1 cucchiaio di vino rosso
(l'aglio e il vino sono facoltativi. Io consiglio di aggiungere il vino solo se il composto viene troppo asciutto).

Tritate tutte le verdure, dopo averle lavate ed asciugate (togliere il rametto al rosmarino, please!)
Unite la carne e il sale, bene amalgamati tra di loro, quindi la foglia di alloro e il chiodo di garofano.
Cuocete a vapore per 30 minuti. (Va bene anche lo scolapasta posato sulla pentola che bolle; per evitare che il sale se ne vada per cavoli suoi, sotto il composto mettete carta da forno, ma lasciate comunque libero il resto dei fori).
A cottura terminata togliete la foglia di alloro e il chiodo di garofano.
Passate di nuovo il composto in un qualunque frullatore per renderlo il più omogeneo possibile.
Mettetelo in vetro e tenetelo al fresco. Lo userete a piccoli cucchiaini.
Ricordate che ci sono 300 grammi di sale grosso! Non spalmatevelo sul pane!
Si conserva anche un anno senza nessun problema.
Dovrete imparare a dosarlo da sole, mica vi posso fare da balia!

NB Nei commenti troverete le dosi per il dado vegetale, su richiesta di Guglielmo

storia della felicità/diciassette/tocca a me

Al termine della mia estenuante cavalcata attraverso i secoli sulle tracce della felicità e dopo essermi sciroppata un librone di mostruosa e quasi ripugnante consistenza, (vedere, per chi vuole, i miei post di storia della felicità) mi sento di affermare, in barba ad ogni considerazione letta fin qui, che essere felici è la cosa più facile di questo mondo.
Essere felice non è mai stato il mio problema ed io credo che non lo sia per nessun essere umano. Il vero problema è essere sereni.

La felicità, secondo me, è un bagliore improvviso, fugace ma intenso, qualcosa che accade e poi decade.

La felicità è varia e differenziata, multiforme, individuale e imprevedibile come sono vari e differenziati, multiformi, variabili e imprevedibili gli esseri umani.
La felicità è diversa per ognuno di noi e per noi stessi varia nel tempo. Come se le nostre antenne per captarla si orientassero in direzioni diverse.

Circa il tempo la felicità ha un andamento misterioso.
In genere la felicità si misura in manciate di secondi o di minuti. Mi voglio allargare: un'ora, va, e non ci pensiamo più.
Può succedere però che si impianti un po’ più a lungo e scivoli in una sensazione di benessere.
Ma il benessere, ammettiamolo, può essere noioso.
Non è un caso se gli amanti ci promettono la felicità e i mariti il benessere.
Ma naturalmente non è un caso se noi aspiriamo e alla felicità e al benessere. Cioè, sostanzialmente, ad avere un marito ed un amante. O più amanti, alla bisogna.

Comunque per me la felicità è solo quella fulminea, quella che ti strappa in alto, come un’onda potente e ti rilascia sul bagnasciuga della normalità.

La felicità è inconsistente, volatile, non ha corpo, lei.
Ma è invece strettamente legata al nostro di corpo. Si respira con i polmoni, si aspira con l’olfatto, si tocca, con le mani, con i piedi, si assapora con il palato, con la lingua, si assorbe con gli occhi, si ascolta con l’udito.

La felicità, è intanto, percezione e sensazione.
Ma non per questo è volgare come da molte parti si dice della materialità.
Perché tutto passa dal nostro corpo, anche il piacere così sottile del ragionamento o l’ascesi di Santa Caterina da Siena. La materialità felice è spirituale al suo modo.
Se a piedi nudi camminiamo sull’erba e sentiamo il piacere del soffice e del fresco e dell’imperlato, questo piacere diventa gioia dell’anima tutta. Pienezza di essere sulla terra con i nostri piedi nudi. Vivi, e a contatto con la nostra terra nuda. E si alza da quel centro di noi che non sappiamo bene dove collocare e che non è poi così importante collocare da qualche parte, una specie di vibrazione di allegrezza e di profonda soddisfazione, uno slancio di approvazione alla vita in generale e al nostro essere vivi in particolare.
Questa è, secondo me, la felicità.

Dunque parte dal corpo e dal corpo si irraggia verso regioni apparentemente immateriali che la moltiplicano e la esaltano.
Perché la felicità è esaltazione. Quell’ex, quella piccola particella che compone la parola ex-altazione, dice senza nessuna possibilità di equivoco che ci stiamo staccando da qualche cosa, che stiamo sollevandoci.
Infatti ci stiamo sollevando dal corpo, senza il quale la felicità mai ci avrebbe toccati ma che ora si fa tramite verso una pienezza che ci sembra posta in un luogo più alto.
E’ anche per questo che non credo al Paradiso. Manca la base per la felicità. Manca il corpo.

Ma questo di cui ci parli è il piacere, ohibò! Potrebbe obiettare qualcuno.
Sì, sono pagana, risponderò.
Ma poi, se il sapore della mortadella nella rosetta fresca ci trasmentte un vero piacere fisico, un sapore diverso, le famose madeleines ad esempio, ci possono trasmettere felicità o un sentore di felicità, trascorsa o da venire.
Se addento un cappero io sono felice. Sì mi piace il suo sapore spinto e il salato che lo circonda, ma io sono anche felice, perché addento insieme l’immagine del fiore aperto e il suo profumo e la roccia di Ponza fiorita con il mare sullo sfondo e il rumore confuso del porto e il fischio del vaporetto. E tutto questo sta lì sulle mie papille gustative e si chiama attimo di vita che mi fa felice.

Quando parlammo del colpo del KO, quello che ci atterra brutalmente, Artemisia suggerì che parlassimo anche di quello che ci esalta di più. Usò proprio questo verbo. Esaltare. Non parlò di felicità, ma io la intesi così, perché, per me, la felicità è solo quella che ci esalta.

Conosciamo naturalmente  anche la gioia. E le gioie che ci consolano l’anima, che ci riscaldano la via, che ci sostengono o ci abbracciano o ci accompagnano. Non voglio sminuirle.
Del resto sono loro che hanno o non hanno durata, è per loro che soffriamo, la mancanza di serenità ci fa soffrire molto di più della mancanza di felicità. Ma queste gioie non hanno per me nessun nesso con la felicità.
Fanno parte della serenità. Forse dovrei parlarne a parte. E forse lo farò. Qui dico solo che la serenità è fatta di qualcosa di troppo immateriale, dal mio punto di vista, per avere anche pallidamente a che fare con la felicità. E' armonia, un pizzico di distacco, assaporamento lento, pacatezza: questo è serenità.
Un cielo sereno è un cielo sgombro di nubi. Lo amiamo certo. Colore a smalto, disteso. Come non amarlo?
Ma la felicità è quell’unico raggio di sole che all’improvviso fora le nubi e ci brilla davanti agli occhi e ci mostra l’infinito pulviscolo della vita. Questa è la felicità.
Il cielo sereno io lo amo e in verità mi dà gioia, ma se il cielo fosse sempre sereno mi scasserebbe i cabbasisi. Perché la felicità è un subitaneo e la serenità è tempo che si distende. E, benché giunta a sessantacinque anni di età, sono sempre incline a preferire il subitaneo.

E’ anche la gratuità che mi fa amare gli attimi di felicità. La serenità si conquista. Richiede applicazione, lavoro, fatica, impegno. Sacrificio anche, e costanza, e saggezza. Insomma un grande dispendio di energie. Dopo di che, ormai serena, puoi dirti: questa serenità me la sono guadagnata. Bene, autocongratuliamoci con noi stessi. E non indulgiamo certo a rimpiangere le energie profuse.
Ma un regalo è un'altra cosa!
Un regalo ti fa sentire baciata dalla vita. Un regalo lo accogliamo come un gesto d'amore.
Ecco, la vita mi vuole bene e mi regala il profumo del lentischio. O la distesa di papaveri sotto l'acquedotto romano. E per tutto questo non mi chiede niente in cambio.
La felicità è la gratuità della vita, e basta la gratitudine per pagare il debito.

Io sono tendenzialmente una persona molto "felicitabile". Sono anche molto "infelicitabile". Ma questo non mi dà preoccupazione. Lo accetto e l'ho sempre accettato come il prezzo da pagare a quella esaltazione che si produce improvvisamente in me e mette a tacere tutti i problemi, le ansie, le paure. Per un momento breve, sì, ma che da solo ci illumina di una luce, vorrei dire...illuminante. Capisco che è tautologico, ma il punto è proprio questo. La felicità sono attimi potentemente illuminati e illuminanti, in cui ci sentiamo vivi in un modo diverso dal solito, cogliamo il nostro essere vivi, in presa diretta, senza nessuna operazione riflessiva. E arrivo a pensare, benché la scienza non lo dica, che se il piacere erotico non fosse capace di diventare anche illuminante, forse la specie non si riprodurrebbe. Grandi amplessi e arrivederci.

La felicità è come un faro potente che ci rende consapevoli della vita, come solo il dolore, il suo vecchio alter ego, sa fare. Io, perdonatemi la banalità, trovo che la felicità sia preferibile.

Così come è legata al mio corpo la felicità è legata al corpo più grande da cui vengo e che mi contiene. La terra. Che significa anche il cielo e i mari, tutti i venti e le acque e molto altro ancora. La felicità è natura. Minerale, vegetale, animale (ammesso e non concesso che questa distinzione abbia un senso che vada al di là della praticità classificatoria).
Così il rumore della corsa un po' arruffata di un cane che entra in casa e ti cerca è la felicità.
E lo è l'angolo d'incidenza dello sguardo di un uomo nei nostri occhi. Sconosciuto, spesso.
Lo è il tiglio aspirato a vent'anni e mai più uscito dai nostri sensi e lo è toccare la superficie scontrosa del frutto che ti offre il ragazzino di Yazd. E gli occhi di quel ragazzino sono la felicità.
Poi ti allontani ed ecco, è finita anche la felicità.
E la spiaggia di ciotoli di Chiaia di Luna e la parete franosa verso cui alzi lo sguardo intimorito è la felicità. Ed è felicità la coda di un gatto che ti sfiora la guancia mentre dormi.
La natura dunque, cioè il corpo da cui mi sono staccata, e il mio corpo. E l'incontro con altri corpi naturali.
Questo incontro è felicità.

Che non si produce sempre, perché, io non la conosco, ma la felicità ha una sua ricetta fatta di coincidenze. E' la coincidenza tra il mio essere che si dispone ad accogliere e tutto il resto, che fa la felicità. Anche la coincidenza tra il mio essere e un apparente nulla. Stai ferma in un deserto uniforme e non c'è neanche il vento a parlare di vita. Ma per qualche ragione che ignori invece la vita ti parla.
E' quando la vita ti parla e ti senti intensamente vivo che c'è la felicità.

E, per me, la felicità è priva di riflessione.
La riflessione viene dopo ed è un piacere ma è altra cosa.

La felicità è di tutti. Io penso che ogni essere umano viva questi momenti di illuminazione ed esaltazione. Essi vengono, e se ne vanno. E forse è meglio così, perché sono talvolta così intensi che non sarebbero sostenibili più a lungo.
In questo senso, nel senso che intendo io, la felicità è facile, disponibile, gratuita.
Ci raggiungerà senza che noi la cerchiamo.
Non è difficile essere felici. Basta vivere.

La serenità, lei, richiede invece tanta lena. Se per essere felici basta un attimo di generosità della vita, per essere sereni, spesso, non basta la fatica di una vita intera.

Io sono grata, dal profondo della mia più intima sincerità, alla sorte che mi ha fatta pronta ad ogni fugace apparizione della felicità.
E senza la più piccola protesta accetto il rovescio di questa medaglia, la predisposizione a ricevere tutti i messaggi lancinanti di dolore della vita stessa.
Va bene così. In nessun caso, mai, rinuncerei ad un momento di felicità per liberarmi di un'ora di dolore.


Mi piacerebbe leggere dei vostri momenti di esaltazione felice.
Il vecchio gioco di Snoopy “la felicità è....” era molto meno ingenuo di quanto si possa pensare. Del resto, Schulz era un fine psicologo, a mio avviso.
Perciò, la parola a voi.

La foto di Ponza è di mia proprietà.








lunedì 19 gennaio 2009

perle

Dunque, dice il Presidente della Camera che per predicare nelle moschee si deve usare l'Italiano.
Allora nelle chiese va abbandonato risolutamente il latino, reintrodotto da questo papa e adottato di nuovo da molti sacerdoti, per tornare all'italiano. E non sarebbe male se l'italiano prendessero a parlarlo tutti quei politici che lo "sparlano".
Questa cosa ha particolarmente irritata mia figlia, come la piccola goccia di volgarità, ignoranza e prevaricazione che fa traboccare il famoso vaso. Con pazienza caliamo il vecchio vaso con la sua acqua traboccante in un vaso più grande ed andiamo avanti. Non ho, ahimé, un altro consiglio da darle.

Invece il Presidente del Consiglio ha definito Margherita Hack "astrologa". Le chiederà l'oroscopo?

Tutta questa sciatteria di pensiero intristisce.

Proprio oggi del tutto casualmente ho pescato una perla vera.

Un Etat qui n'a pas quelques improvisateurs en réserve est un Etat sans nerfs.
Paul Valery

Uno Stato che non ha qualche improvvisatore di riserva è uno Stato senza nervi.(O senza nerbo).

E uno stato che ha solo improvvisatori? E non sono in panchina, ma giocano in campo?

domenica 18 gennaio 2009

fermo immagine

......
Seminerò le mie mani in giardino
diverrò verde, lo so, lo so,
lo so,
e le rondini deporranno le uova
nelle pieghe delle mie dita sporche d'inchiostro.

Incollerò alle mie unghie due petali di dalia,
e indosserò i due rossi orecchini
di due rosse ciliege gemelle.
E c'è una strada dove i ragazzi che mi amavano
sono ancora lì
con i loro capelli spettinati e i colli sottili e le gambe magre,
pensano ancora al sorriso innocente di quella ragazza
che una sera il vento portò via con sé.....

Forugh Farrokhzad
La strage dei fiori

sabato 17 gennaio 2009

è ufficiale!



E' arrivata la primavera! Non sento storie, non accetto smentite, obiezioni, dinieghi.
Dopo averlo constatato di persona ne ho avuta la conferma ufficiale da Mariateresa, donna le cui antenne (e non solo quelle atmosferiche) sono più sensibili delle vibrisse di un gatto.
Inoltre: i lillà sono pieni di gemme, gli aranci di boccioli, sono fiorite le fragoline e anzi una, bella rossa, è già lì che aspetta la manina di Tommaso. E, massima "gaudenzia", le giornate si sono percettibilmente allungate.
Del parere dei geografi-astronomi me ne infischio altamente. Il mio corpo sa quello che sa.
Qualunque fenomeno meteorologico si appalesi nei prossimi giorni, dalle burrasche alle tormente, la primavera sta mordendo le chiappe all'inverno.

Perdonatemi l'espressione, frutto dell'entusiasmo.

venerdì 16 gennaio 2009

io penso positivo

Una volta, appena aprivo gli occhi, al mattino, balzavo giù dal letto precipitandomi incontro alla nuova giornata, decisa a farle vedere io. Come un pugile che, strappato al suo angolo dal suono del gong, si fa avanti saltellando verso l'avversario che, saltellante a sua volta sui piccoli piedi, lo aspetta al centro del ring. Non so se sia solo una mia impressione ma i piedi dei pugili a me sembrano sempre incredibilmente piccoli rispetto al corpo. Forse perché il corpo si inarca un po' nella minaccia e, prima di liberarla, esibisce la potenza dei suoi muscoli. O forse per via di quella danza che i piedi eseguono nello spazio ristretto senza mai sbagliare un passo. O almeno finché non sbagliano quello definitivo.  Comunque, abbandonando la noble art (per inciso, mi piacerebbe sapere chi e perché ha battezzato il pugilato la noble art), io entravo nel nuovo giorno d'un sol balzo. Una volta. Adesso, aperti gli occhi, me ne resto raccolta nel mio stesso tepore per una decina di minuti, volgendo il pensiero più al giorno lasciatomi alle spalle che a quello che mi aspetta. Intanto le gatte, infastidite da questa pura perdita di tempo sulla strada del loro accudimento, mi passeggiano sopra, ispezionandomi il viso con  grazia e accuratezza. Se poi la sosta dovesse prolungarsi troppo abbandonano le maniere gentili e mi atterrano addosso con grandi salti, molto convincenti. In ogni caso, in quei dieci minuti completamenti sottratti al fare, io faccio una specie di riepilogo del giorno trascorso e ne estraggo la sua piccola lezione, ché ogni giorno, volenti o nolenti, ce ne vediamo rifilare una. 
Questa sosta filosofica ai box (non so che cosa mi abbia preso questa mattina, tutto questo metaforeggiare sportivo!) dura già da qualche anno. Recentemente però, oltre al grano di sapienza, repertorio anche qualche piccola o grande piacevolezza elargitami dal giorno passato. Mi piace entrare in quello nuovo confortando la speranza con il pensiero del regalo già assicuratomi. Riflettendo su ieri ho constatato di aver raccolto un bel bottino: qualche ora in compagnia di mia figlia, noi due sole, sbrigando piccoli impegni e chiacchierando. E adesso, dopo queste piccole considerazioni, vediamo che cosa mi regala l'oggi.

PS agli amici che hanno lasciato dei commenti risponderò nel pomeriggio.

mercoledì 14 gennaio 2009

curiosando per blog...

Non so come vi regoliate voi quando visitate un nuovo blog. Ricordo che Artemisia scrisse che andava subito a leggere il primo post e presa dal terrore sperai che non fosse troppo idiota! Io no. Resto sul presente. E sulla home page lancio appena un'occhiata distratta alle indicazioni anagrafiche. Mi capita di ignorare anche se si tratta di un uomo o di una donna per parecchie visite! Del resto, i dati anagrafici scompaiono presto dalla mia memoria.

Le descrizioni invece della propria personalità mi attirano come calamite.
Tutte quelle ironiche mi fanno loro.
Sono diventata lettrice ed amica di Erasmo perché capitando sul suo blog lessi questa sua descrizione: Ho il pollice opponibile e la patente. Per tutto il resto c’è mastercard. (poi cambiato in “c’è la mia autobiografia)

Talvolta il titolo stesso del blog è un’ auto descrizione: esistono ironica, placida, ramingo...

Ma soprattutto mi soffermo sulla frase in epigrafe che compare in alto, quel motto con cui ci presentiamo.
Mi sembra infatti che i dati descrittivi siano poca cosa; inoltre possono essere menzogneri, mentre la scelta del motto non inganna neanche se vuole.

Certo è studiata, non immediata, né messa di slancio; ma se non dice veramente come siamo dice come vogliamo apparire e quindi come vorremmo essere. E quindi ...come siamo.

Ce ne sono di ogni tipo e confesso che per me fanno spesso da timone. Alcune mi respingono come un affronto e proprio non riesco ad accostarmi al blog.
Le ridondanti, le enfatiche, le apocalittiche, le fantasmagoriche, le barocche, che ve lo dico a fa’ ?
Altre mi catturano immediatamente.

Ci sono delle interessanti ricorrenze. Parole che si ripetono da un blog ad un altro. Naturalmente diario e percorsi e itinerari e ricordi e memorie.
Le parole pensieri, emozioni, idee, passioni, storie, sogni, immagini, visioni, parole stesse, tornano spessissimo. Anche riflessioni compare, ma più di rado. Si accompagna talvolta a spunti.
Questi pensieri , sogni ecc sono sempre sparsi, talvolta strappati, tal'altra in disordine, spesso in libertà. Insomma si sente la consapevolezza- timore di parlare al vento e insieme il desiderio di scusarsi anticipatamente: non vi aspettate un percorso coerente, irreprensibile, sono solo io, che scrivo così, come mi viene giorno per giorno...

Libertà è un'altra parola che torna spesso. E' evidente che la si cerca in questo spazio, che lo si vive proprio come occasione di libertà. Poi leggendo, col tempo, si scopre che alcuni l'hanno davvero trovata questa libertà e che per altri è restata solo un desiderio.

Una parola ricorrente è scambio. Questa è un’esigenza che si dichiara apertamente. E viaggio. C’è un anelito ad andare, a muoversi, a scambiare il proprio posto nel mondo, anche se solo sui monitor...


Ci sono spesso riferimenti alla luce. Riflessi, luci, prisma, sfaccettature, lampi, bagliori e, naturalmente, baluginando. E molti specchi, molte finestre, fessure, spazi aperti. Anche le parole orme e passi compaiono spesso. L'idea di andare e di essere seguiti ritorna.

Quanto ai motti, alcuni di questi sono citazioni. Noi blogger saccheggiamo il mondo dei libri e ne tiriamo fuori massime di vita che indichino la strada a noi e a chi ci legge. Io stessa ho fatto così.

Ci sono quelli esortativi. Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze (Valery)

O dei veri e propri imperativi che ci diamo:
La mia libertà è limitata da quella degli altri

Altri invece non sono inviti o prescrizioni, né per noi né per gli altri, ma semplici considerazioni, sintonie che troviamo con un filosofo, uno scrittore, un poeta. O descrizioni del nostro stato d’animo prevalente. O di noi stessi. 
Sono in genere molto belli.
Un Ulisse senz’altra Itaca che quella interiore (Yourcenar)

La farfalla non conta gli anni...ma gli istanti (Tagore)

Vi è nell’instabile una maggiore porzione di avvenire che nello stabile. E il presente altro non è che un’ipotesi non ancora superata (Musil)

Più che il senno può la passione, che di gran mali pei mortali è causa (questo è Euripide ma l’autrice non ce lo dice)

Dove credete che siano andati gli unicorni, gli ippogrifi dagli occhi dolci e mansueti, le sirene gentili e aggraziate? In nessun posto: sono sempre qui. E’ solo che non li vediamo (E. Bencivenga)


Quand on est con est con(Brassens) e da subito sai che lì troverai qualche spigolo. E naturalmente abbocchi.

Il mio amore addosso come una bestia nuda (Eluard)

Ciò che è atteso non si avvera. Per ciò che non è atteso un dio trova la strada.(Euripide)

La strada è un’altra parola che compare spesso. Assieme a via, fiume e mare. Luoghi privilegiati. Ma la natura comunque è spessissimo presente, sotto forma di alberi, di boschi, di fiori, di animali. Il lupo torna spesso e si staglia con tutti i suoi significati simbolici.
“Un’anima nomade. Cammino il Sogno: le orme che lascio dietro di me sono orme di lupo.”

Quella che in assoluto mi ha colpita di più è Dico che nessuno si ricorderà di me, nei dì futuri. (Saffo).
Mi ha dato da pensare. Mi sono chiesta se il fatto stesso di tenere un blog non volesse esorcizzare questo destino o se l'autore l'avesse messa proprio per significare che, come Saffo è ancora nella memoria di tutti noi, anche noi possiamo restare in quella altrui. O anchese  rappresentasse quasi il senso della inutilità del proprio sforzo di scrivere e testimoniare se stesso. Dopo un po’ di tempo che seguo questo blog ancora non sono riuscita a decidere l’intenzione con cui quella frase è stata posta. Ma prima o poi lo scoprirò.

Rarissimamente nel titolo del blog o nella presentazione ci si definisce per quello che si fa. Evidentemente l’identificazione con il proprio destino lavorativo è scarsa, ci sta stretto, lo si vuole superare, se ne vuole uscire.
C’è un’eccezione però e di che peso! Quello che porta i morti.

I motti comunque ti danno subito la sensazione dell'ambiente in cui ci si muove.
"Omologazione non richiesta. Non voglio la cittadinanza prestabilita da parte di niente e nessuno. Confrontarsi non adeguarsi." Tu sai da subito che lì non troverai buoni sentimenti né “volemose bene”.


Quando ci si descrive, a fianco del post, una cosa che si mette sempre in evidenza sono le proprie contraddizioni. La ricchezza spesso disordinata della propria personalità. L’ho fatto anche io nel mio profilo anche se poi l’ho rivisto. Non perché nel frattempo le mie contraddizioni si siano risolte ma perché mi è sembrato eccessivamente lungo. Credo che questa sovrabbondanza di antinomie dipenda dalla difficoltà di definire univocamente noi stessi.

Alcuni motti sono anonimi e in tal caso, come un editoriale, io li attribuisco all’autore del blog. Sono molto interessanti, perché si dichiara il senso generale del proprio stare nel mondo blogger e nel mondo tout court.

La vita è una passione continua...e le mie sono tutte a tinte forti.

Politicamente corretta o almeno ci provo.

Tempo di mettere buon legno di faggio a far fuoco. Raccogliere i fogli sparsi e prendere penna, per non farsi sorprendere, gli inverni a venire, impreparato ai ricordi.

Ogni stagione dell'anno, così come ogni stagione della vita, dà i suoi frutti. Le stagioni si susseguono l'una dopo l'altra: la trasformazione è continua ed avviene con ritmi naturali. "Festina lente", cioè "affrettati lentamente" è l'antico motto che ci aiuta ad evitare sia lo stress che l'immobilismo. Se ne abbiamo voglia, regaliamoci dunque qualche frutto di stagione...

Qualcuno non mette motti, ma ci accoglie con grande semplicità e cortesia, proprio come una padrona di casa.
Grazie di aver incrociato il mio cammino. Buona Navigazione nel mio piccolo Mondo Creativo e Personale.

Semplicemente la curiosità di entrare in contatto con qualcuno per condividere interessi e scambiare pensieri, così senza pretese...

Benvenuti in questo blog, dove nel rispetto degli altri e delle loro idee ci si confronta...

Ci si sente accolti con grazia ed è un piacere tanta semplice cordialità.

A me piace anche scrutare le facce e osservare le immagini di apertura. Ma a questo dedicherò un altro post.

NB Ho citato solo prologhi che mi piacciono, ma non tutti  i prologhi che mi piacciono. Sono troppi.

divagando

Quando si lavora a maglia capita di fare degli errori. Un punto a rovescio al posto di uno a diritto, un aumento non fatto, una maglia caduta, un aumento di meno, una ritorta di troppo. Capita, anche, che l'errore si renda palese dopo molti ferri. Ed è uno sfregio sull'armonia del lavoro.

Ci sono tre possibili modi di reagire. Si può andare avanti, ignorando l'errore, non facendosene turbare e accettando l'imperfezione.

Oppure si può tentare di adattare il lavoro all'errore stesso, provare cioè ad inserirlo nella trama, a rivederla nel suo complesso perché accolga l'errore e lo renda meno errore. La mia amica Mariateresa è maestra in questo. Sarebbe, penso, una buona diplomatica. Ed è una buona lavoratrice a maglia.

E poi si può guastare. E guastare di nuovo se l'errore non è riparato a dovere e ancora e ancora, in cerca della perfezione.
Io appartengo, purtroppo, al terzo tipo. Guasto e guasto e guasto. Mia madre, faceva così e, filosoficamente, commentava: Chi fa e guasta diventa mastro. Mia madre era mastra ed otteneva, sempre, la perfezione. Io invece no. Benché io guasti, con pazienza e umiltà, con costanza e fatica, il mio lavoro non è mai perfetto. E mastra, non sono diventata mai. Forse dovrei smettere di lavorare a maglia.

leggere/scrivere

Mini-post suggeritomi da Luciano Comida, scrittore e lettore, che ha deciso di non comprare più libri essendone quasi assediato. 


Non so se sentirmi più scettica, più ammirata o più compassionevole.


















da: "Un lettore" di Jorge Luis Borges

Que otros se jacten de las pàginas que han escrito;
a mì me enorgullecen las que he leìdo.

Gli altri si vantino delle pagine che hanno scritto;
io sono orgoglioso di quelle che ho letto.





Certo Borges può fare questa affermazione proprio perché è Borges. L'estrema umiltà è un lusso per chi siede in vetta.
Per tutti noi che amiamo scrivere e non siamo Borges e nemmeno.....(ognuno metta qui il più scalcagnato degli scrittori che conosce), il desiderio di scrivere qualche cosa di cui poter essere orgogliosi resta. Spesso resta per una vita intera.
Intanto però siamo almeno felici del piacere che ci dà leggere leggere leggere. Un Anonimo, nei miei primi tempi di blogger, in un commento mi scrisse: quanta boria, con tutti questi libri letti! Non ricordo che cosa risposi. Oggi, pur non essendo Borges, risponderei come lui.
Per gli ansiosi: Luciano dice che non ne comprerà, non che smetterà di leggere libri.E' dotato di notevoli riserve!

martedì 13 gennaio 2009

figlia di mezzo/venti/orologio in ritardo

Mentre raccoglieva gli effetti personali del Comandante, che l’indomani mattina avrebbe lasciato l’ospedale, la figlia di mezzo lo vide togliersi l’orologio con cui misurava le ore insonni della notte e consegnarglielo. Sorpresa, lo rifiutò. Finché, il Comandante insistendo, la figlia di mezzo si rassegnò a privarlo per quella notte di quel piccolo ausilio.
Non aveva capito, non essendo disposta a capire, il senso di quel gesto che il Comandante non aveva in alcun modo reso solenne.
Morto il Comandante durante la notte ospedaliera, la figlia di mezzo consegnò alla madre l’orologio che, così credeva, le era stato dato in temporanea consegna.
Solo sei anni dopo, improvvisamente, quella scena mattutina divenne abbagliante di chiarezza agli occhi della figlia di mezzo che desiderò rientrare in possesso dell’orologio indubitabilmente donatole dal Comandante in punto di morte.
Rifiutatole dalla madre, la figlia di mezzo lo ricevette poi dalle sorelle, quando, già molto ammalata, la genitrice non poteva più opporre veti. Fu così che a 13 anni dalla morte del Comandante, la figlia di mezzo entrò finalmente in possesso di quella sua accidentata eredità.

lunedì 12 gennaio 2009

il pavone marina

Per il mio millesimo post Enzo Rasi mi ha fatto un regalo che va al di là della mia ambizione ma centra in pieno il mio orgoglio. Infatti eccomi qui a comunicarlo urbi et orbi. Il pavone che fa la ruota sono io!
Di quante parole debbo ringraziarlo?
E quali mi hanno fatto più felice?

Beh, il giudizio sulla mia sintassi, "in senso stretto e lato" mi ha dato, lo confesso, un autentico piacere. Ho preso un bel voto in una materia "fondamentale" e quanto ne sono contenta!
Quanto allo scrivere in latino è un sogno impossibile da realizzare, ma spremere dalla mia lingua tutto il latino rimasto, questo sì, questo tento di farlo. (Ma, Enzo, ho intenzione di stupirti prima o poi, e di adottare una sintassi stravagante, se non d'avanguardia!).

Vedete, mi tengo alle osservazioni sulla forma per sottrarmi disinvoltamente a quelle sul mio animo, sui "fremiti e le brecce" che ad Enzo non sfuggono.
Molte cose ad Enzo non sfuggono, forse più di quelle che sono disposta a riconoscere. Occhio, all'occhio di Enzo!
Nel commento ad un mio post, che Enzo riporta nel suo, tocca un paio di punti innervati. L'orgoglio di essere pensante. Contenuto, lo definisce lui benevolmente. E' comunque un mio difetto. Giuro però che lo combatto continuamente.
Tranne quando mi serve, come mi è servito, per sopravvivere.
Enzo ha annusato anche la stanchezza della sincerità che ogni tanto mi prende. La voglia di farmi imbarcare con il più numeroso degli equipaggi. La menzogna o la piccola bugia, dice Enzo. Accetto le sue parole. Per amore di me vorrei tradurle in "reticenze ed omissioni", ma la sua generosità chiama la mia onestà e accetto le parole che ha scelto lui.

La foto che ha scelto mi ha fatto davvero felice. No, non solo per vanità, perché mi mostra con trenta anni di meno e una carica vitale in espansione, ma perché mi mostra anche come io mi sento dentro.
Non tutti i giorni, no. Ma spesso.

E grazie, Enzo, per questa frase stratosferica: Non esiste luogo migliore di Inezie Essenziali in tutto il web a me conosciuto per leggere e pensare.

Lo so, è un'iperbole. Lo so, da buon siciliano con la tua indolenza certo non batti a tappeto il web!
Ma la trovo comunque una frase fantastica e penso che me la ripeterò spesso. Per vanagloria, certo. Ma anche come incoraggiamento. E diosolosa se non ne sento spesso il bisogno!
Grazie, Enzo!

questo post è il numero 1001!

Io mi domando e dico: 
è possibile considerare ancora amici due soggetti che vi inviano da Londra una cartolina come questa?

Hanno un bello scriverci dietro le più affettuose parole: lo sfregio resta!


Userò comunque la più costipata faccia della Gran Bretagna per sbrigare rapidamente questo delicato passaggio: entrare nel secondo migliaio di post del mio blog.

Grazie a Mariateresa e Francesco per l'ineffabile dono e a tutti voi per avermi accompagnata fino a qui. marina