sabato 29 agosto 2009

l'ultima lavatrice

L'ultima lavatrice, proprio prima di venir via, per lasciare tutto in ordine e pulito.

Gli oggetti esistono e parlano. Vivono e muoiono. Vorrei che li disprezzassimo meno, che li noncurassimo meno. Parlo per me.
Non è la foto che nobilita l'oggetto ripreso. Che gli dà senso e vita. L'oggetto ce l'ha di suo.
Non dubito che la tovaglia a girasoli si sentisse triste la mattina della mia partenza assieme ai canovacci multicolori. Si tenevano aggrappati al filo e aspettavano il loro destino di reclusione.
Dodici mesi senza l'aria vivificante, senza il contatto con le mani frettolose e vivaci, senza il bagno nell'acqua schiumeggiante. Dodici mesi nel cassetto dell'armadio senza neanche un'ultima stiratura affettuosa! Vi chiedo pubblicamente scusa, andavo di fretta.

9 commenti:

  1. Oh parbleau!
    Così si conservano sempre come nuovi!
    :-)

    RispondiElimina
  2. che tenerezza marina...Sei stata tu a riportarli all'aria per fargli rivivere la breve stagione, e sempre tu a riporli nel cassetto. Anche senza la "affettuosa stiratura" la tua attenzione è arrivata, ne sono sicura. un bacio

    RispondiElimina
  3. Concordo con "arnicamontana"...

    RispondiElimina
  4. Io adoro come scrivi.
    Sempre.

    RispondiElimina
  5. ciao sono pierangela, grazie di avere visitato i miei blogs

    RispondiElimina
  6. le mie tovaglie dopo aver letto il tuo post mi hanno detto: Hai visto, lei si preoccupa, tu invece non ci stiri mai, ci pieghi frettolosamente e neanche ci parli!!!!

    RispondiElimina
  7. marina, tu come pieghi queste creature? a metà e ancora a metà, spezzando il disegno o in tre e ancora in tre, cosicchè, quando si distendono nuovamente le creature, al centro appare una cornice senza pieghe e i disegni non vengono disturbati...? s.

    RispondiElimina
  8. comunicazione ufficiale: io piego tutto in tre. Liscio bene con le mani, soprattutto agli angoli, e di nuovo piego in tre. Qualunque altro modo mi sembrerebbe irrispettoso. Ma non so stirare, lo faccio malvolentieri e, di conseguenza, male. marina

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo