martedì 10 febbraio 2009

se permettete mi assento

Cari amici, sento il bisogno di prendermi qualche giorno di vacanza dalla blogosfera. Chiudo perciò occhi, orecchie e bocca al mondo virtuale, proprio come le tre scimmiette. Mi trincero per una decina di giorni, tra me e me.


Però, legata come sono ai miei stessi imperativi -e a tutti voi- ho pensato di lasciare minuscoli post per questi giorni di assenza.
Sono sotto forma di citazioni e in forma di domande.

Ognuno, credo, ha le sue piccole manie di lettore.
Io ho le mie. Tante, a dire il vero.
Una di queste mi porta a incontrare con soddisfazione le pagine dei libri in cui compaiono domande.
Domande senza la risposta. Non quindi quelle retoriche, artifici argomentativi poco intriganti.
Domande che l'autore lascia aperte. O, al limite, la cui risposta si rintraccia solo alla fine del libro, nella riflessione sul libro. O anche domande che, nella loro leggerezza, sono come piccole pennellate atte a descrivere un personaggio, al pari del taglio degli occhi o della corporatura.
In ogni caso si tratta di domande che io prendo per vere. Domande serie o futili, sciocche o profonde, non importa. Quello che importa è che l'autore non mi dia la risposta e lasci a me il compito di trovarne una.

Quando trovo una di queste domande io me la segno. Sull'ultima pagina del libro, accanto al numero della pagina metto un punto interrogativo. Questo significa che lì troverò una domanda su cui posso cimentarmi. 
Quando ho bisogno di domande -e ne ho bisogno spesso- mi basta prendere qualche libro a caso e andare a vedere all'ultima pagina.
Ecco pronto per me un bell'esercizio di riflessione. O di fantasia e immaginazione. O di surrealismo.


Questa volta le domande le ho ricercate per voi.
Hanno natura e peso diverso.
La prima, del mio amatissimo Leopardi, la metto per amore della poesia e anche perché è la sola per la quale so che non troverò mai risposta.


Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
silenziosa luna?

Giacomo Leopardi: I Canti


13 commenti:

  1. dice il saggio: "L'importante non è dare le risposte giuste, l'importante, e molto più difficile, è porre le domande giuste"

    Buona vacanza.
    Pace e benedizione

    Julo d.

    RispondiElimina
  2. Mi piace questa storia delle domande, Marina...
    e (in parte) mi sembra vero che quelllo che conta è la domanda giusta...
    ..se sbagli a cercare, magari trovi qualcosa, ma non quello che conta...

    Domanda: perché ti assenti? ci lasci?

    RispondiElimina
  3. Marina, perchè ci siamo ridotti a questo infimo punto?
    Questa domanda mi tormenta e mi fa sentire in colpa.
    Cristiana

    RispondiElimina
  4. Cara Prof,
    te ne vai in vacanza dalla blogsfera, mbè che dire? Anche questa è una vacanza. E le vacanze son sempre belle :-)
    Ci lasci i compitini. Inutile confermare che io, studentessa lavativa per definizione e vocazione, risponderò solo alle domande futili. Le trovo più consone alla mia persona.
    Ma mi cimenterò anche con Leopardi. Oggi mi sento volenterosa :-)
    La luna in ciel? Aspetta il sole, per un congiungimento veloce, poi va a nanna.
    Ciao, baci baci....

    RispondiElimina
  5. Riposati e ritemprati, carissima!
    Grazie per gli spunti che ci prepari.
    A presto.
    Un abbraccio,

    RispondiElimina
  6. daı!!! ma che bello!!! fantastıco, davvero. ımparero a farlo anche ıo... poı tı faro sapere.
    prendıtı tutto ıl tempo che vuoı, non é mıca un lavoro!! tanto noı sıam semper chı... tamamı? un sorrıso, perche leggendo tutto ıl post e scrıvendo ıl commento non ho fatto altro che sorrıdere.

    RispondiElimina
  7. Non posso far altro che rispettare la tua scelta, ma sentirò la tua mancanza...

    RispondiElimina
  8. oooh...buona pausa allora...Un abbraccio amica interrogativa :-)

    RispondiElimina
  9. E' una delle mie poesie preferite.

    Per me, la luna di Leopardi, è li per confortarci con la sua bellezza, ma anche per darci la possibilità di urlare alla natura la nostra rabbia per tutte, le sue e le nostre, ingiustizie.

    a presto e riposati
    gio

    RispondiElimina
  10. ricordati la giustifica firmata quando torni

    RispondiElimina
  11. in questo silenzio, ti acompagno...

    RispondiElimina
  12. La mancanza dei tuoi post quotidiani è un'occasione che mi offri per meditare sul fatto che ci si abitua facilmente ad essere riforniti di cose belle e che quando ti vengono a mancare devi darti da fare per cercare la bellezza dentro di te o da qualche altra parte. Mi ricordi che vita è trasformazione, cambiamento, discontinuità e a volte anche riconciliazione. Il verso che hai citato è stato utilizzato da qualcuno che sosteneva che i computer non saranno mai in grado di dare una risposta a questa domanda. Forse la luna ci ricorda proprio l'essenza della nostra vita, le crescite, i cali, le sparizioni, le pienezze, le trasformazioni, la certezza dell'incertezza, a differenza del sole che si alza sempre ogni mattino, tramonta ogni sera ed è sempre uguale a se stesso.
    Un abbraccio che sa di luna e di vita, Giorgio.

    RispondiElimina
  13. Credo si rotoli nel tempo, come noi del resto; lo scopo?
    Ha importanza?
    Sileno

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo