mercoledì 30 dicembre 2009

trovato

Come faccio ogni anno in questo periodo, ho scelto il motto incaricato di farmi da guida nel corso del nuovo anno che si avvicina. Un po' ammonizione, un po' esortazione, un po' incoraggiamento.
Quest'anno niente citazioni particolarmente colte, la parola non è a i filosofi ma al popolo.
Al popolo della mia città.
Il motto in questione è: Nun c'è trippa pe' gatti.

Circa la sua origine ci sono diverse narrazioni.
La più accreditata dice che Ernesto Nathan, sindaco di Roma dal 1907 al 1913, usò per primo questa espressione quando nel bilancio comunale da approvare trovò la voce "frattaglie per gatti" e, chieste spiegazioni, si sentì dire che si trattava del costo di mantenimento di un gruppo di felini incaricati di difendere dalle scorribande dei topi i documenti conservati negli archivi del Campidoglio. Il racconto dice che Nathan pronunciò la famosa espressione Non c'è trippa per gatti e depennò la spesa: che i gatti badassero da soli alla propria alimentazione, ad esempio pascendosi dei topi cui dovevano dare la caccia.

In bocca al popolo poi l'espressione diventò Nun c'è trippa pe' gatti e l'uso smise di essere strettamente contabile e si colorò di numerosi sensi e sfumature. Questa formula dissuasiva viene usata di fronte a richieste altrui considerate capricciose o eccessive o semplicemente importune cui non si intende aderire. Potrebbe usarla, ad esempio, una donna concupita da un corteggiatore sgradito. L'uso che se ne può fare è però molto estensivo.

La frase diventerà il mio motto per l'anno 2010. Dovrà guidarmi nel compito di risparmiare me stessa di fronte alle richieste dei gatti metaforici.




20 commenti:

  1. ... e allora buon 2010, pieno di salute, sogni realizzati e desideri appagati.
    Rino.

    RispondiElimina
  2. ciao Marina, benissimo cominciamo così! buon 2010!
    simona

    RispondiElimina
  3. Mi sembra un buon motto... Un abbraccio e sempre felice di leggerti.

    RispondiElimina
  4. Auguri di buon Anno Marina
    Maurizio

    RispondiElimina
  5. E' un piacere ritrovarti combattiva come sempre.
    Felice anno nuovo

    RispondiElimina
  6. "Se non c'è trippa diamogli il salmone"...
    :-)

    E augurissimi!

    RispondiElimina
  7. Diventerò un cane allora.
    Ci sono speranze?
    Un abbraccio forte e un augurio affettuoso per il 2010.

    RispondiElimina
  8. Brava! Risparmiati e preparati per un ottimo 2010 ricco di soddisfazioni!
    Un bacione,
    Artemisia

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Bella l'idea di un motto da scegliere come guida per l'anno nuovo!

    Direi che questo tuo va molto bene in questo periodo di vacche magre.

    Buon anno a te, cara Marina

    Pace e benedizione
    Julo d.

    RispondiElimina
  11. qui è la spesa maggiore in bilancio (e non è solo trippa!)

    RispondiElimina
  12. Col tuo post si è riaccesa finalmente la caldaia che riscalda la mia blogosfera.
    Che freddo che c'era!
    Giorgio

    RispondiElimina
  13. Mentre attendo una disamina più analitica della nuova razza da te creata(i gatti metaforici), mentre resto dubbioso sul tuo reale ritorno sul web... mentre ti leggo col consueto piacere, ti stringo la mano Marina. Incontrarti mi ha insegnato alcune cose, altre le ha rafforzate in me, di altre ancora mi ha dato una prospettiva diversa ed utile. Probabilmente il motto che hai scelto risulterà il più adatto per questo anno che viene: quello che ci aiuterà a guardare in faccia la realtà... e a razionare la trippa. Con stima, ENZO

    RispondiElimina
  14. Marina, ti faccio i miei auguri di buon anno nuovo e ti abbraccio con affetto :-)

    RispondiElimina
  15. Da gattone non posso che essere scontento di questo motto: mi piace la trippa anzi, come la chiamiamo a Milano, la busecca -:)))
    E' una vecchia storia prendersela sempre con i gatti -:)
    Ciao e buon anno (con trippa)

    RispondiElimina
  16. Da gattone non posso che essere scontento di questo motto: mi piace la trippa anzi, come la chiamiamo a Milano, la busecca -:)))
    E' una vecchia storia prendersela sempre con i gatti -:)
    Ciao e buon anno (con trippa)

    RispondiElimina
  17. Vorrei sgombrare il campo da ogni equivoco: IO AMO LA TRIPPA E ANCHE I GATTI.
    auguri a tutti, speriamo in un 2010 con trippa e gatti per tutti
    marina

    @Enzo: hai naso buono...vedremo

    RispondiElimina
  18. E che non ci sia trippa pe’ gatti, allora!
    Uno splendido 2010, Marina.
    Barbara

    RispondiElimina
  19. e nun ce stà manco l'osso pe' li cani!!!
    rido
    rido
    rido
    ricordando i mille modi in cui viene utilizzato questo detto nella nostra città, sempre così realistica e sincera nelle sue espressioni.
    Un abbraccio lungo un anno

    RispondiElimina
  20. cara Marina ben tornata con i gatti...
    spero che tu resterai ancora molto a lungo con noi blogger superstiti
    un abbraccio e buon 2010 !!!!
    erica

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo