venerdì 19 settembre 2014

Che cosa ho imparato/che cosa sto imparando/leggere

Riprendo a scrivere senza nessun ordine cronologico della mia esperienza di apprendimento sul lutto.

I libri sono sempre stati per me -oltre a una delle mie più grandi passioni- una delle vie attraverso cui ho tentato di conoscere il mondo, la vita, me stessa.
Per questo, quando sono stata in grado di farlo, mi sono rivolta ai libri che parlano della mia esperienza di perdita. È stata una ricerca di aiuto, che ancora continua. L'ho cercato e lo cerco in quei libri che narrano un'esperienza diretta, lettere, diari, in quelli che la trasformano in letteratura (ma partono tutti da una esperienza, più o meno mascherata e trasformata). L'ho cercato negli studi teorici, nei saggi, nelle ricerche di coloro che hanno studiato il lutto, che ne hanno fatto oggetto della loro analisi e della loro riflessione.
L'ho cercato nella poesia. La poesia, ancora oggi, tocca il mio animo, lo penetra, lo commuove, talvolta lo solleva o lo consola. La poesia è quella che mi arriva più vicina.

Ho conosciuto personalmente molte persone in cui è nato questo stesso bisogno, questa sete di comprensione e risonanza con altri che hanno vissuto o vivono la stessa esperienza -non solo nell'incontro viso a viso, dolore con dolore- ma anche in quell'incontro a distanza che è la lettura.

Ho scoperto questo: che si vuole imparare il più possibile su questo evento che sconvolge la vita e spesso la devasta, lo si vuole indagare. Ognuno si rivolge alle letture più congeniali, più vicine alla propria sensibilità (ma ha fame anche di quelle più lontane) o a quelle che sono più alla sua portata; è certo comunque che ci si passano titoli, nomi di autori, di testi. E quelli che non leggono direttamente perché leggere non fa parte delle loro abitudini, dei loro interessi, del loro costume o della loro cultura, ascoltano sempre gli altri, quelli che parlano delle proprie letture e ne riferiscono gli effetti, gli esiti, i barlumi di efficacia. E io li ho visti e li vedo, quasi sospesi, in attesa di una frase, un concetto, anche solo una parola, che renda comprensibile, che dia senso a quello che stanno vivendo.

Chi legge diventa così un tramite, e anche questo fa parte della condivisione, il più prezioso degli aiuti.
Niente infatti può sostituire l'incontro con quelli che io chiamo i fratelli e le sorelle nel dolore.

Delle mie letture e di quello che mi hanno dato e mi danno scriverò, senza ordine, senza un programma.
Il lutto non consente programmi.



18 commenti:

  1. bella pagina... è proprio così, come ci si cerca tra simili così il bisogno di trovare chi, scrivendo, parla per noi non finisce mai...ci è necessario perché le nostre parole non sanno più dire, i nostri pensieri non sembrano valicare i propri confini...E perché per arrivare ad "accettare" abbiamo bisogno di capire. Scrivo cose scontate e vabbè..
    Un abbraccio, Angela

    RispondiElimina
  2. Sì, come scrivi tu 'niente può sostituire l'incontro con quelli che io chiamo i fratelli e le sorelle nel dolore.'
    Io mentre vivevo giorni pieni di sofferenza, per caso in rete ho trovato Angela e poi il tuo blog.
    Da allora, tra le vostre pagine io ho trovato confini al mio dolore.
    Ricordo che dopo il mio lutto per molto tempo non sono riuscita a leggere nulla.
    Poi ho ripreso lentamente con Così è la vita di Concita de Gregorio e con La perdita di Rossana Rossanda che mi ha regalato Angela.
    Poi ho avuto di nuovo un periodo di stasi, un periodo di chiusura mia a tutto e a tutti.
    Ora giorno per giorno sto cercando di risalire.
    Guarda caso qualche giorno fa sono stata attirata da un titolo: Uscirne vivi di Alice Munro
    E' lì che mi aspetta...
    Mi farà piacere, come sempre, leggerti

    RispondiElimina
  3. Credo di aver capito adesso. I miei blog resteranno esclusivamente come testimonianza, il resto, tranne rare eccezioni, è stato una tremenda delusione per me. Non intendo più provarla, mai più e per nessun motivo. Leggersi è un regalo, un occasione, un segno e un sogno, niente deve sporcarlo...io in fondo mi proteggo. Ciao e alla prossima, Marina.

    RispondiElimina
  4. Un piccolo percorso letterario (scelto nella mia piccola libreria): Paul Auster, L'invenzione della solitudine, Einaudi; Eugenio Borgna, La solitudine dell'anima, Feltrinelli; Gesualdo Bufalino, Argo il cieco ovvero I sogni della memoria, Sellerio; Carlo Cassola, Il continente interiore, Marsilio;Teresa d'Avila, Il castello interiore, Paoline; Anaita Desai, Fuoco sulla montagna, Einaudi; Norbert Elias, La solitudine del morente, Il mulino; Joice James, I morti, Passigli;Franco Marcoaldi, Il tempo ormai breve, Einaudi; Piero Meldini, L'antidoto della malinconia, Adelphi; Tomas Moore, Pianeti interiori, Moretti & Vitali; Antonio Moresco, Lettere a nessuno, Bollati Boringhieri; Anna Maria Ortese, Angelici dolori, Adelphi; Carlo Ossola, Il continente interiore, Marsilio; Giuseppe Pontiggia, Nati due volte, Mondadori; Antonio Preste, Trattato della lontananza, Bollati e Boringhieri; Lalla Romano, Diario ultimo, Einaudi; Josè Saramago, Le intermittenze della morte, Einaudi; J.J.Van Der Leeuw, Dei in esilio, ed. Alaya. Ciao

    RispondiElimina
  5. Grazie grazie grazie, Guglielmo! Ho letto solo Auster, Bufalino, Borgna, la Desai, Marcoaldi!!! e Pontiggia. Ah, e I morti di Joice. A parte Marcoaldi(lettura recente) li ho letti in altri periodi della mia vita e ora voglio rileggerli tutti. E poi leggere gli altri. Metterò anche io il mio percorso di letture.
    grazie ancora, marina

    RispondiElimina
  6. Judith Viorst Distacchi-Sperling
    Massimilla La perdita
    Oates La madre che mi manca
    Lewis Diario di un dolore Adelphi
    Oates Storia di una vedova
    Didion L’anno del pensiero magico
    Didion Blue nights
    Ravera Sorelle
    Albinati Vita e morte di un ingegnere
    Millefoglie L’attimo in cui siamo felici
    Dunne Quel che ora sappiamo
    Grossman Caduto fuori del tempo
    Hornbacher Al centro dell’inverno
    Marias Gli innamoramenti
    Magrelli Geologia di un padre
    Barnes Livelli di vita
    Szabò La ballata di Iza
    Barthes Dove lei non è
    Roth Patrimonio
    Simenon Lettera a mia madre
    Leautaud Il piccolo amico
    Ravera Sorelle
    Elizabeth Kubler Ross La morte e il morire
    Fraire/Rossanda La perdita (vedi Adele)
    Ariès Storia della morte in Occidente
    Philipe Breve come un sospiro
    Gorsz Lettera a D.
    Beauvoir Una morte dolcissima
    De Gregorio Così è la vita (vedi Adele)
    Freud Lutto e melanconia
    Hart L’oblio
    Hart Ricostruzioni
    Jervis La conquista dell’identità
    Laborit Elogio della fuga
    Marcuse Il significato della morte
    Tante poesie sparse: intanto Montale,Tagore,
    Claudio Damiani! Foscolo, Ted Hugues, De Angelis,
    Marcoaldi... (poi li riepilogo tutti)
    Sto leggendo Tartt Il cardellino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi? Io non ne ho letti una sfilza di quelli che proponi tu...Ma io non sono un meticoloso lettore e vado un po' ad estro nella scelta. Mi intrigano nella tua lista sicuramente Barthes, Jervis, Elizabeth Kubler Ross... Ma è l'argomento che mi appassiona poco... (PS mi è "scappato" un commento firmato Buscateblog, ma avrai capito che sono sempre io...) Ciao

      Elimina
  7. Dei in esilio e' difficile che lo trovi... E quindi cito (appunto su un segnalibro)...

    Ma un giorno gli avviene di udire una canzone che conosceva nella sua giovinezza ; allora, in un improvviso spasimo, egli ricorda tutti quello che ja perduto, rendendosi conto con dolore di essere in esilio, lontano da tutti quanto gli era caro. Ciao

    RispondiElimina
  8. Ciao Guglielmo, volevo solo dirti che alcune delle mie letture contengono solo alcune pagine relative alla perdita e al lutto o sfiorano il tema "a latere". grazie ancora, marina Aggiungo l'introvabile (purtroppo) Finte di Teobaldi per e/o. In cui l'ironia sulla perdita è delicata ma efficace

    RispondiElimina
  9. grazie Adele e Angela, ogni volta che scoprite nuove letture me le indichereste? grazie ancora, marina

    RispondiElimina
  10. Ah, ho dimenticato di citare le bellissime e tante pagine di Proust sulla morte di Albertine.(La fuggitiva da pg 63 in basso fin pg 99) Incredibile la finezza psicologica. E quanto alla scrittura, che ne parlo a fare?

    RispondiElimina
  11. Conoscerai sicuramente il blog di Loredana Lipperini, io solo questa mattina ho letto una pagina da lei scritta giovedì 25 settembre, mi è molto piaciuta ed è in tema con quanto stai scrivendo. A presto
    Adele

    RispondiElimina
  12. Grazie Adele, conosco il blog e ora vado a leggermi l'articolo!

    RispondiElimina
  13. Non riesco a commentare questi tuoi ultimi post.
    Sono ignorante e...ho paura.

    RispondiElimina
  14. Ciao Marina, passo per un saluto.

    RispondiElimina
  15. Il mio percorso è a zig zag, non saprei come chiamarlo altrimenti. Ma forse sono ancora ferma ad un confronto interiore tra me e i ricordi, tra me e tutti quelli che mi mancano attraverso le loro parole... Non so dire altro.

    RispondiElimina
  16. ti ringrazio per il pensiero, Graziana, e scusa il ritardo

    RispondiElimina
  17. Ciao Emilia, anche il mio è un andare avanti e indietro, un procedere e un retrocedere. E ho perso lo slancio di parlarne e testimoniare
    leggo belle cose tue su FB, come sempre
    ti abbraccio, marina

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo