sabato 16 febbraio 2013

amica all'infinito








È morta Marina Mariani, poeta 1928-2013



I
 miei amici
non mi cercano, non m'invitano a pranzo,
non mi telefonano mai;
non mi mandano auguri per Natale
ma sono miei amici.

Non mi fanno regali,
non m'aiutano a vivere
con raccomandazioni o altre cose;
ma mi aiutano a vivere
perché sono miei amici.

Noi non c'incontriamo in piscina,
non combiniamo le vacanze insieme,
non facciamo progetti di lavoro.
Non ci portiamo scambievolmente le sigarette
né la busta del latte
quando l'altro è ammalato;
n on ci raccontiamo i reumi e le tasse.

Non ci facciamo carezze d'amore
né di solidarietà
né di pietà.

Pure - bisogna dar credito
al prodigio; e la geometria
non è favola -
le nostre esistenze parallele
s'incontrano in un punto
all'infinito.

11 commenti:

  1. Stupendi questi versi, poi è vero che con gli amici veri basta uno sguardo e quello comprende tutto.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Perdonatemi, dissento. A me non basta lo sguardo: io vorrei aiuto, solidarietà, gesti concreti. Lo sguardo lo lascio all'Entità, che sia benevolo o torvo. Gesti concreti, sì, che siano parole, o vicinanza fisica, o consolazione, o stare con me all'ospedale, o mentre piango nel mio soggiorno, o se mi dispero perché ho le mie paure. E se avessi bisogno di cinquemila euro, bé... anche quelli! Cosa ci stiamo a fare, altrimenti?! Amici! Con tutto il rispetto, che le nostre esistenze s'incontrino "in un punto all'infinito", forse va bene per gli Angeli: io sono terrena, e voglio fatti, dimostrazioni, testimonianze. Soltanto così mi sento amata, altrimenti non parliamo di amicizia, che è calore, vicinanza, disponibilità, gentilezza, virtù!
    Ah, dimenticavo: io amici non ne ho, li ho lasciati andare tutti: forse perché interpretavano l'amicizia con le identiche intenzioni e comportamenti della poesia, che, infatti, non mi piace per nulla.
    Lo dico umilmente, figuriamoci: io non sono assolutamente nessuno! Ma un parere contrario lo rispettiamo, giusto?

    RispondiElimina
  3. Cara Lucia, capisco benissimo le tue aspettative nell'amicizia. Nessuno nega che tutti vorremmo amici così e se ne abbiamo siamo fortunati. Ma esiste, io credo, anche un altro tipo di amicizia, un'amicizia fatta di somiglianza anche a distanza, di comunità di sentire, di pensare. Un'amicizia che ci fa sentire vicine persone anche mai viste, o solo sfiorate; magari lette, nei loro libri, nelle loro poesie. Questo non significa negare l'amicizia concreta e testimoniata con i fatti di chi abbiamo vicino; è solo un'altra forma, bella secondo me, di amicizia e amore. io almeno leggo così i versi della Mariani
    Ecco, detto molto semplicemente, io credo che chi è simile a noi, ci sia amico. grazie, marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marina, quello di cui tu parli è un filo sottile ed elastico, luminoso, immagino, iridescente. Praticamente, l'arcobaleno. L'arcobaleno della letteratura, della poesia, anche delle canzoni, anche del teatro. A me piace Zucchero, e mi coinvolge sempre Ramazzotti, poi amo Giannini (la pubblicità dell'Enel era superba, e quel suo "va oltre... (pausa)... quello che vediamo", brrrrr... da brivido!), e pure Harrison Ford: il "le volerò accanto, Signor Presidente" mi fa' piangere solo a pensarci...:-)
      Ma non sono miei amici, è semplice! Anche Dante mi tiene compagnia, e Alessandro Manzoni, di cui potrei quasi doppiare i Promessi Sposi, compagnie gradevolissime, ore da perderci il sonno, assaporando una virgola oppure un sospiro. Ma non sono miei amici.
      Il tuo filo luminoso, chiamiamolo così, io lo comprendo tutto, ma per un attimo ho avuto il sentore di una certa retorica: sullo sguardo, sul senza parole e sul non c'è bisogno che... e allora mi sono affrettata a dire la mia. D'altra parte, siamo amiche, no? Ma lo siamo in quel filo luminoso, nell'arcobaleno... in questo tuo spazio che non ci mette alla prova, che non testa né la nostra bontà, né le nostre virtù.
      Io amici non ne ho: li ho lasciati andare ad uno ad uno, serenamente. Oggi mi relaziono con Alessandro e con Zucchero, non ho rimpianti, perché penso che l'amicizia non è uno sguardo, è fare!
      Grazie a te.
      Lucia

      Elimina
  4. ...oggi c'era un filo invisibile a chiamarci... vorrei sapere dove si possono trovare altre sue poesie...ho visitato il suo sito e c'è solo questa che tu riporti. Che è molto bella.ciao

    RispondiElimina
  5. Devo desumere che ho molti amici...

    RispondiElimina
  6. devo desumere che ho molti amici !?

    RispondiElimina
  7. Un bel poema,mi ha piaciuto molto ,purtroppo gli amici sono cosi,nel bisogno non si fanno mai vedere.Marina ci ha lasciato ma le sue opere starano per sempre.Ottimo post

    RispondiElimina
  8. http://www.frequency.com/video/francesco-de-gregori-falso-movimento/66922563/-/5-250039

    Ciao, Marina.
    Lucia

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo