sabato 27 luglio 2013

il noi


Se io sono tu
e tu sei noi
non si comprende il mio stare
e il tuo essere stato

Non si comprende
l'infondatezza ai sensi
del mondo superstite
le briciole di storia
le foto
i vestiti riposti nell'armadio

Se tu sei me
e io sono noi
la fenditura non si comprende
né il tempo che vi scorre
ammantato di oscuro senso
m.p.

5 commenti:

  1. Non si potrebbe rispondere (la poesia non "interroga" forse l'anima?) che con una poesia. Ma l'intimità di queste parole spiazzano ogni risposta. Ciao

    RispondiElimina
  2. Profondo questi versi che aprono molti interrogativi.
    Ciao e buona domenica

    RispondiElimina
  3. Ahi la memoria per un mai ricordo

    RispondiElimina
  4. Non rimane che Emily

    I mesi hanno termine -gli anni - un nodo -
    che nessuna forza può disfare
    per estendere un poco oltre
    il tessuto del dolore -

    la terra ripone queste vite stanche
    nei suoi cassetti misteriosi -
    troppo teneramente, perché qualcuno dubiti
    di un ultimo riposo -

    la maniera dei bambini -
    che si stancano della giornata -
    essi stessi - il giocattolo rumoroso
    che non possono mettere via -

    (423)

    RispondiElimina
  5. Penso Che tu stia ascend da una stagione del tuo lutto, quella piu' scura e crudele: questa e' piu' profonda ( probabilmente eterna) apparentemente interlocutoria.
    Noi che leggiamo ci illudiamo di capirne I confini ma non possessedendo l'identica affettivita' possiamo solo apprezzarne la indiscutibile sintassi esterna; il nucleo intimo ci e' precluso anche se la poesia aiuta. Un vero abbraccio

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo