domenica 4 gennaio 2015

dainàs

Ho casualmente scoperto i dainàs, componimenti poetici della tradizione baltica cantati a due, tre voci.
Sono componimenti di tre, quattro versi, molto brevi, che usano l'allitterazione o la rima interna. Nella struttura ricordano gli haiku, anche se sono più liberi.
"Esprimono tutti gli aspetti della vita e della natura.
Parlano di amore, di morte, laghi, boschi, estate, inverno, dolore, piacere." (Jan Brokken)
Ne esistono diverse raccolte e altre ne vengono continuamente pubblicate. Non sono però stati tradotti in italiano.

Mi è venuta voglia di sperimentarmi, così per gioco. E anche perché mi piacciono molto le rime interne.

Come segnali di fumo
s'alzano dal grumo del tempo
e si liberano nel vento
li sento ecco
i ricordi sospirosi

Abbiamo un tetto per il riposo:
è fortunoso, ricorda.
il pane abbiamo e il sale:
è accidentale anche questo.

Il giorno di luce e di festa
con passo solenne
nella sua morsa
tutti conduce

Abbiamo ancora anime care:
ballare possiamo
ma in punta di piedi
m.p.

Non è percepito l'amore:
nella grotta si accuccia avvilito.
La beffa ci becca con aspra bocca

Guarda il tempo accartoccia
anche la roccia e i grattacieli.
Lievi ci sfariniamo.








8 commenti:

  1. Mi piacciono (non li conoscevo) e brava tu.

    Buon anno

    Pace e benedizione
    Julo d.

    RispondiElimina
  2. Ogni autunno rammenta la freschezza
    sfiorita delle morte primavere

    S specchia nella pace delle sere
    dei mattini la candida bellezza

    Così malinconia di giovinezza
    il tempo muta in sottile piacere

    Lalla Romano

    g

    RispondiElimina
  3. Bellissima la poesia di Lalla Romano, non la conoscevo, grazie.

    RispondiElimina
  4. Buon Anno Nuovo Marina
    Maurizio

    RispondiElimina
  5. In un nuovo anno un vecchissimo blog che ho deciso di rimettere in circolazione e che tu conosci da anni. Spero che tu comprenda i motivi che mi hanno spinto a rieditarlo e che ora mi inducono a dartene notizia: è solo una questione di affetto. Buon anno signora Pierani.

    RispondiElimina
  6. arrivo tardi, ma Grazie e Buon Anno anche a te Maurizio e a te Emilia!

    RispondiElimina
  7. Ciao Enzo, sono stata sul nuovo blog. L'introduzione mi ha inquietata. Ti richiamo all'ordine! con affetto, marina

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo