lunedì 9 giugno 2014

le salsole


Intricato il mio cuore
con battiti e passi affrettati
spasimi lenti
erbe in folate

Si spezza il filo del tombolo della vita
a ogni microscopico fallo
né più si ricongiunge
Si è smarrita la mappa:
non si riconosce il capo
né la coda 
che già corre lontana
con fruscio di serpe o di acqua
Restano le salsole rotolacampo
-mio cuore cespuglioso-
che trascinano 
le ventate del tempo.


2 commenti:

  1. bella immagine non mi dispiacerebbe essere una di loro

    RispondiElimina
  2. sì, essere una salsola dev'essere bello, lo penso anche io Zefirina!

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo