lunedì 24 dicembre 2012

natale

I muscoli facciali mi dolgono a forza di rispondere sorridendo: grazie, anche a te; grazie, anche a voi; grazie, anche a lei. Sul Natale abbiamo ed ho, detto e scritto di tutto. Cos'altro si può dire sul Natale?
Nella mia mente scorre continuamente, come i sottotitoli di un telegiornale, una sola parola: farcela.


16 commenti:

  1. Che un Natale ti racconti un Natale qualunque a starti accanto

    RispondiElimina
  2. Sai che per me ci sei sempre, non solo a Natale.
    Giorgio

    RispondiElimina
  3. Vorrei tanto che tu potessi tornare quella di prima.
    Vorrei, ma non è possibile, però ti faccio ugualmente i miei sinceri ed affettuosi AUGURI, anche alle tua figliola e a tuo nipote.
    Un abbraccio.
    Cristiana

    RispondiElimina
  4. Invito - italiano
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
  5. Ciao Marina, farcela è già moltissimo e tu ce la farai anche oggi. Un abbraccio di cuore
    biba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Marina, a me sembra tutto poco autentico soprattutto e ritrovare un senso non è facile. Un abbraccio
      Giulia

      Elimina
  6. Devi Marina....Dobbiamo....
    insieme si è piu' forti!
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. Diciamo che è un'ottima occasione per litigare -:)))
    Ma capita anche che ci si ritrovi insieme a guardare il fuoco del camino.

    RispondiElimina
  8. Mia cara, vengo per ricambiare il tuo saluto e i tuoi auguri.
    Ti confesso che a una prima lettura credevo che quel "farcela" fosse un invito generico, rivolto un po' a tutti, e in effetti tutti dobbiamo 'farcela', in un modo o in un altro.
    Però dai commenti qui sopra mi pare che quel "farcela" si riferisca proprio a te: di qualunque problema si tratti mi aggrego all'invito, con la speranza che sia una cosa risolvibile.
    Forza e coraggio!
    Ciao e auguri che quel 'farcela' diventi presto un trionfante "ce l'ho fatta!".

    RispondiElimina
  9. Passavo di qui e volevo farti sapere che
    se cel'ho fatta io ce la faranno tutti
    e anche tu.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. E' vero, è tutto un po' finto, ma passa. Ti auguro un nuovo anno sereno. Francesca

    RispondiElimina
  11. Dopo una visita sgradita di due mostri,mi chiedo sempre,se Natale lo festeggerò con i figli.Se rivedrò il sole dell'estate,se se se se,d'ora in avanti sarà tutta un'incognita.L'importante è cercare la serenità che forse prima non avevo.
    Buon 2013.

    RispondiElimina
  12. Io sono contenta che i due giorni natalizi siano terminati: tanto inutile stress per riti che avrei evitato di celebrare. Ma, sai com'è, sono anch'io dentro all'ingranaggio, volente o nolente.
    Per me la festa è ora, in questi pochi giorni che precedono l'ultimo dell'anno.

    Ti anticipo intanto i miei migliori auguri per un 2013 sereno. :)

    RispondiElimina
  13. Con l'approssimarsi del nuovo anno ci auguriamo a vicenda e con ferocia inaudita tutto il bene del mondo. Che l’anno appena iniziato rechi serenità, pace e felicità a Tizio, a Caio, a Sempronio e al mondo intero. Che possa vedere esauditi tutti i tuoi, i miei e gli altrui desideri! Che la felicità ci possa tracimare dalle orecchie! Che non ci possa essere un solo attimo di buio nelle solatìe giornate della vita! Che la gioia sia sempre compagna delle tue ore e di quelle dei tuoi cari, cani, gatti, canarini e pesciolini rossi compresi! E così via.
    Per almeno la prima settimana del nuovo anno, non facciamo altro che bombardarci a tappeto di auguri; ci mitragliamo per lettere, cartoline, ed ora anche e-mail e post sui blog.
    Ma vuoi vedere che tutti questi auguri portano jella?
    E qui alla fine di ogni anno, dobbiamo concludere che, quello che sta per passare è stato più fetente di tutti gli altri!
    Ma fa’ che ci sia qualcuno, che so? il Destino, al di sopra delle nostre teste, il quale, ogni volta che stappiamo a mezzanotte dell’ultimo dell’anno, bottiglie e bottiglioni di spumante, augurandoci ricchezza, salute e felicità, si fa le più matte risate e chiama a raccolta i suoi dipendenti e dice loro:
    - Venite qua, fatevi quattro risate! Guardate ’sti stronzi come credono di poter migliorare le condizioni del loro vivere gramo, da quei pellegrini diseredati che sono!
    E mi sorge questo dubbio e mi dico:
    E se provassimo ad augurarci, per questo 2013 … che so? … tsunami a vagonate, alluvioni, terremoti, una bella epidemia planetaria di peste bubbonica, carestie e siccità globalizzate, invasioni di cavallette e cose del genere?
    Può darsi che così il Destino, affetto com’è da carognite acuta e cronica che lo induce a fare il contrario dei nostri rosei auspici, si muova a compassione e dica:
    - Ma tu guarda sti poveri disgraziati che cosa si augurano. Devono essere davvero depressi! Be’, mandiamo loro un po’ di pace e serenità, così almeno si riprendono.
    Eh, che ne dici?
    Comunque io,auguri non me ne faccio, né a me e né al mio prossimo.
    Portasse veramente sfiga?!

    RispondiElimina
  14. Le feste è bene levarsele di torno prima possibile. Coraggio!

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo