giovedì 22 aprile 2010

di ritorno da Fossanova

La giornata è stata faticosa ma molto bella. Cantare nella nuda immensità dell'Abbazia dà un certo non so che...
Il chiostro di Fossanova è stata una scoperta, non lo ricordavo affatto. È bellissimo, peccato che non fosse possibile entrarci. Se un chiostro non mi abbraccia per me quasi non è più un chiostro, perché se per gli studiosi di arte il chiostro è la successione di arcatelle e colonnine e di gallerie con le loro volte a botte, per me il chiostro è un luogo dell'anima. Ma di questo ho già parlato; perciò, per chi non lo ha letto segnalo il mio vecchio post qui.

3 commenti:

  1. Insomma e' andata bene? Sono contenta.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  2. Una bella esperienza... Tanti abbracci
    Giulia

    RispondiElimina
  3. sono contenta della bella esperienza, brava.
    ciao simona

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo