martedì 27 ottobre 2009

mosca bianca con dignità


Sul taxi dove salgo per tornare a casa la radio va. Musica italiana. Poi parte il giornale radio. Prima notizia le novità sul caso Marrazzo. Il tassista ha uno scatto e spegne la radio bofonchiando qualcosa. Io resto impassibile dato che dire tassisti romani equivale a dire destra.
Je dispiace? mi chiede.
Assolutamente no, rispondo fredda.
Io se potessi lo pisterei, fa lui.
Allora mi interesso al discorso: Mi chiami, faccio io.
Ci guardiamo nello specchietto e ci capiamo. E' giovane, barbetta, occhialetti da sole, jeans e giubbotto.
Lei capisce in che situazione c' ha messo? mi fa.
Altro che, se lo capisco, dico io.
Ha visto che calo alle primarie qui nel Lazio? mi chiede.
Io, che ancora non ho letto i giornali, apprendo da lui che nel Lazio l'effetto Marrazzo sull'affluenza al voto delle primarie del PD è stato micidiale.
Io non ne posso più, dice lui; tra i colleghi io so peggio de 'na mosca bianca; so due giorni che mi tormentano co 'sto fatto che so' tutti uguali!
Lo immagino, dico comprensiva.
No, non lo pò immaginà quello che dicono.
E si trattiene dal darmi particolari dell'eloquio tassinaro sulla questione.
Più per incoraggiarlo che per intima convinzione gli dico:
Beh, può sempre rispondergli che almeno Marrazzo si è dimesso.
Macché dimesso a signò, quello sapeva tutto da luglio, l'ha avvisato Berlusconi, si rende conto?Altro particolare che ignoravo.
E manco se voleva dimette!
Mi rendo conto, altroché.
Comunque io zitto nun ce posso sta'.
E che gli dice?
Je dico, saranno uguali loro ma nun semo uguali noi! je dico. Perché io me vergogno de Marrazzo e voi de Berlusconi no!
Giusto! faccio io galvanizzata. Bravo! Splendida risposta!
Intanto siamo arrivati, ci diamo solidali la mano e guardandomi sopra gli occhialetti alla Beatles, proprio prima che scendo, molto serio mi fa:
Tanto signò c'è rimasta una sola dignità da salvà, la nostra.
Resto ferma sul marciapiede, folgorata.

22 commenti:

  1. già. me la tengo stretta stretta, prima che la me vendano come gli archivi del vasari...

    RispondiElimina
  2. Roba da scendere a Roma solo per prendere quel taxi...

    RispondiElimina
  3. Non è che ti ricordi il numero del taxi, appena torno a Roma lo vado ad abbracciare

    RispondiElimina
  4. Ah! Che piacere leggere questo post!
    Grazie.

    RispondiElimina
  5. Ah, Roma e certi romani: ti folgorano sparando verità essenziali, così nette e precise da lasciarti senza fiato. Anche per questo continuo ad amare la mia città.
    Grazie, d'averlo raccontato Marina, abbiamo tanto bisogno di sentire che c'è gente così in giro.

    RispondiElimina
  6. concordo con tereza, saremo caciaroni, dissacratori, ma come sappiamo fulminare con una battuta noi......

    veramente una mosca bianca questo tassinaro

    RispondiElimina
  7. E' proprio vero che la vita ci riserva incontri inaspettati...
    Grazie Marina, un post splendido.

    RispondiElimina
  8. bella bella...cazzo, noi ci vergogniamo, arrossiamo, ci indignamo, ci commuoviamo, piangiamo pure...LORO saranno tutti uguali, ma il primo che mi dice che sono uguale ad un berluscone ci tiro un papagno sul muso!:-)

    RispondiElimina
  9. L'imbarbarimento di questo paese passa anche dalla televisione che da strumento di cultura qual'è stata per un ventennio è diventata un mostro che fagocita le menti e vomita pubblicità, volgarità e personaggi mediatici di nessun valore capaci solo di urlare ( fatta salva qualche rara eccezione); anche la maggioranza dei nostri rappresentanti politici vengono NOMINATI solo in base alla loro capacità di bucare lo schermo e passa in secondo piano la dirittura morale e la dignità.
    Quando mai riusciremo a cambiare i suonatori con un'orchestra di onesti.
    Un'ultima riflessione: Chissà se nelle scuole si ricorda ancora chi fu Cincinnato.

    RispondiElimina
  10. rettifico:... passano in secondo piano la dirittura morale...

    RispondiElimina
  11. TASSINARO FOR PRESIDENT

    Giorgio

    RispondiElimina
  12. Mari' ma lo sai che nel leggere il tuo post mi sono emozionato? Se ci fossi stato io su quel taxi, cosa un po' difficile, appena giunto a destinazione avrei abbracciato
    ER TASSINARO e j'avrei offerto puro un ber caffè co lo schizzo.

    RispondiElimina
  13. Marrazzo si ririta in un convento per un pò di tranquillità! che genio....riesce sempre a stupirm.

    RispondiElimina
  14. è che noi abbiamo ancora il senso dell'indignazione, sentimento antico ma mai antiquato

    RispondiElimina
  15. uhm, conoscendomi, credo che il mio pensiero dominante durante il tragitto avrebbe riguardato quanto sangue avrei dovuto donare al tassinaro alla fine XD

    RispondiElimina
  16. Scena perfetta, sublime, da città Eterna! Lui meriterebbe la carica di presidente del Pd, non Prodi. E non lo dico per scherzo o provocazione.

    RispondiElimina
  17. piccolo Lord, mio giovane amico, ti abbraccio con affetto, marina

    RispondiElimina
  18. Grande tassinaro! Averne come lui!

    RispondiElimina
  19. Un MOSCA bianca in quel mondo di lobbisti.
    Che bello incontrare e parlare con uno che ha ancora la testa sulle spalle.
    Quella risposta me la tatuo nella mente.
    Cristiana

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo