mercoledì 8 luglio 2009

passaggio con poesia



Sono solo di passaggio tra un picco adrenalinico e una piccola frana umorale. E passo con una poesia perché ho appena scoperto come poeta Toti Scialoja e ne sono rimasta conquistata. Lo trovo abbastanza difficile da farmi imbestialire, tranne quando lo trovo così "facile" che non so spiegarlo ma solo goderlo.

da: Qui la vista è sui tigli

Freno ma non capisco
se è il rosso del semaforo
oltre i platani o il disco
del sole che trafora

al tramonto quei rami
intricati- un ritaglio
di Cartagine in Fiamme
tra le foglie mi abbaglia.


Toti Scialoja
Poesie 1979-1998
Garzanti - 2002


9 commenti:

  1. Oh carissima! Sono contenta di rileggerti. Tieni duro.
    Un abbraccio,
    Artemisia

    RispondiElimina
  2. Piu tranquillo ora ;-)
    Donnigio

    RispondiElimina
  3. Felicissimo di rilegerti, malgrado qualche precedente un po' brusco tra noi :)

    RispondiElimina
  4. abbaglia la tua fugace e passeggera presenza...

    RispondiElimina
  5. Bentornata!
    Mi auguro che il passaggio non sia fugace, ma una presenza costante,
    senza le tue "inezie" il blog è molto più vuoto.
    Ti abbraccio con affetto
    Sileno

    RispondiElimina
  6. BENTORNATA!!!!! Poesia apprezzabile ma vogliamo di nuovo i tuoi post fiume di una volta :-)))

    Un bacione!!!!
    Daniele

    RispondiElimina
  7. Grazie del tuo fugace ma atteso passaggio!
    Un forte abbraccio!
    Stefi

    RispondiElimina
  8. bella sensazione sapere che ci sei.
    ciao simona

    RispondiElimina
  9. sublime, sublime, Marina: la poesia che torna all'essenzialità potente del suono della parola.
    Grazie d'averlo postato.

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo