giovedì 9 luglio 2009

dilemma

Quando scrivevo avevo 81 lettori fissi. Ora che non scrivo sono diventati 88.
La faccenda è inquietante e poco lusinghiera. Mi ricorda Moretti: "Mi si nota di più se non vengo o se vengo e sto in disparte?"

12 commenti:

  1. Marina l'importante è esserci. Poi il resto viene da se..

    RispondiElimina
  2. tu se vieni non sei mai in disparte.

    RispondiElimina
  3. Davvero inquietante!!!!!
    Ma non poco lusinghiero...magari i lettori ti fanno la posta...

    RispondiElimina
  4. Io credo che sia l'estate, il maggior tempo a disposizione, il sole, l'allegria, la voglia di fare nuove conoscenze, un pò come nel reale, ci rende più disponibili verso l'altrui persona...Bacio giò

    RispondiElimina
  5. Probabilmente alcuni tuoi aficionados hanno pianto tanto spargendo la voce che qui c'é un blog meraviglioso che era temporanemente sospeso. Ed allora qualcuno arrivato :-)))

    Ciao!
    Daniele

    RispondiElimina
  6. Sono i timidi. Sì, quelli che c’erano pure prima ma avevano un po’ paura di farsi notare. Poi hanno visto che latitavi ed il timore di perderti ha superato la timidezza…
    Certo che è bello passare di qui e trovare una tua traccia!
    Barbara

    RispondiElimina
  7. e che dire se ai tuoi 88 sostenitori ufficiali, dichiarati e registrati provi ad aggiungere gli "aficionados" non registrati, tipo me??
    In realtà credo che una splendida persona come te la si noti e basta e di conseguenza la si segua, ci sia sempre o sia assente (tanto sappiamo che è solo temporaneamente)e,concordo con Saretta, quando ci sei non sei mai in disparte!!
    Besos

    RispondiElimina
  8. Chiedilo ai nuovi. Io: lettrice di vecchia data e sempre fedele non ti mollo di certo. :-)

    RispondiElimina
  9. Diceva qualcuno che si è più famosi quando non si è che quando si è...
    l'importante è vivere.

    Rino, augurando buone letture.

    RispondiElimina
  10. Un dilemma che affligge molti mi sa

    RispondiElimina
  11. L'importante è che tu ci sia.
    Cominciavo a dubitare.
    Cristiana

    RispondiElimina
  12. credo che l'unica interpretazione possibile sia tutta a tuo favore, davvero!

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo