sabato 3 gennaio 2009

il mio SUS

>

"Parla più piano! Non ti sento!"
Vorrei dirlo ad un sacco di gente. A tutti quei soggetti che gridano ovunque, scagliando nell'aria le loro sillabe come corpi contundenti.

Ma c'è davvero bisogno di gridare sempre? 
Dagli studi televisivi? (Oddio, l'orrore di quei loro "Buona sera!" gridati in faccia al povero telespettatore!)
Nei telefonini? Nei luoghi pubblici? Per le strade, negli uffici, nei bar? 

Ma perché gridano? 
Perché, santa pazienza, gridano sempre?

 
Hanno paura? Pensano di non esistere davvero se la loro voce non si spinge fino alle grotte di Frasassi? Al fondo delle grotte, intendo. 
Temono di dissolversi, di scomparire allo sguardo altrui? 
Si sentono fantasmi? Si aggrappano al suono della propria voce perché il silenzio li spaventa?

O forse mi odiano? Vogliono perforarmi il timpano, infettarlo con i loro suoni trionfanti, col rimbombo delle loro parole vittoriose? 
Tu stai mentendo, vorrei dire loro. Nessuna verità può avere bisogno di tutti questi decibel. Quindi tu menti.

Potrebbero obiettarmi che si dice "gridare la verità". Ma benedett'uomo e benedetta donna: non prenderlo in senso letterale, ti prego! Non in senso letterale! 

A me sembra che intorno a me, nella grande città, tutti gridino. 
E vorrei avvertirli.  Che farete il giorno in cui davvero ci sarà bisogno che alziate la voce?
Tutti essendo ormai assuefatti a questi volumi parossistici, non riuscirete a farvi intendere. Altro che megafono! Avrete bisogno di un rullo di tamburo per annunciarvi e del più potente degli amplificatori per perforare la coltre di ottundimento che vi separa dai cervelli altrui.




Ma non sono sicura che anche così sarete ascoltati.
Non da me, in ogni caso. Infatti per un effetto che io chiamo "Scudo Uditivo Spontaneo" (SUS per gli amanti degli acronimi)  più voi alzate la voce meno vi sento. Il mio scandaglio sonoro funziona al contrario.

Che avete da obiettare?
Cosa? Come?
Abbassate la voce. Non vi sento.

27 commenti:

  1. Anche gli spagnoli, quando parlano, alzano il tono della voce, ce l'hanno nel carattere, nella loro forma di vivere. E gli italiani non sono di meno.
    Urlano perché non sanno ascoltare!

    Rino.

    RispondiElimina
  2. saı, l ho sempre pensato anche ıo.
    questa e un po un abıtudıne "tutta ıtalıana" quando seı ın areoporto beh, staı certa che glı ıtlaıanı lı rıconoscı subıto....

    saı che coıncıdenza meravıglıosa? saı cosa sıgnıfıca SUS ın turco?
    Tacı.
    ınfattı ho vısto ıl tıtolo e ho pensato: "come dıavolo....???"

    =)
    un bacıo, grande
    sara

    RispondiElimina
  3. Grande Marina
    come questo post andrebbe urlato a pieni polmoni ... e come dice Saretta: "SUS"!
    Sileno

    RispondiElimina
  4. E se fosse che stiamo diventando tutti sordi e alziamo la voce per sentirci? ;-) Ho come l'impressione, invece, che le nostre orecchie siano sempre più simili a quelle dei "mercanti"...

    RispondiElimina
  5. ciao e buon anno, marina!
    è veramente snervante e di cattivo gusto tutto questo vociare intorno a noi. sfugge, poi, totalmente il fatto che gridare porta all'usura della voce e che questa, a sua volta, abbruttisce nella sonorità un aspetto importante di noi: la comunicazione verbale.
    quanto è gradevole e vincente ascoltare una voce sana e di bel timbro?
    ecco, allora non urlate!

    RispondiElimina
  6. bellissima la coincidenza che racconta Saretta! Si può urlare anche sottovoce però...mi sentiiii??? :-)

    RispondiElimina
  7. Qui a Torino forse la gente parla più basso a meno che non sia al cellulare, allora urlano a più non posso ed è un incubo. Io ormai viaggio con la musica alle orecchie. Ciao, Giulia

    RispondiElimina
  8. cara marina
    l'augurio per te di buona vita nel 2009!
    grazie delle tue gradite visite e grazie degli auguri, a presto!

    RispondiElimina
  9. Concordo con Saretta. E' una brutta abitudine quasi esclusivamente italiana.
    Un italiano lo riconosci ovunque...

    RispondiElimina
  10. @Saretta: sono deliziata dalla scoperta! d'ora in poi lo userò ad ogni occasione: SUS!!!

    RispondiElimina
  11. Hai ragione, Marina. L'abitudine a parlare a voce troppo alta è detestabile e molto diffusa. Purtroppo però le nostre orecchie non sono messe in pericolo solo da quello. Hai mai provato ad ascoltare il lettore mp3 in casa e poi uscire fuori? Hai notato di quanto è necessario alzare il volume? Questo ci fa capire il livello di inquinamento acustico in cui viviamo.
    Per quanto mi riguarda soffro di una leggera ipoacusia per cui se non parli forte, purtroppo, non ti sento, ahimè :-(

    RispondiElimina
  12. bellissimo post marina

    quando ce ne regali uno anche per il blogdout?

    ciao

    il webmastermascherato

    RispondiElimina
  13. Vivo da più di 30 anni con un napoletano che la voce alta ce l'ha nel dna. Io parlo sempre a voce bassissima, che neanche va tanto bene, perché tutti mi chiedono sempre di ripetere. Immagina tu che bella coppia. Io se sento urlare me ne vado:è una cosa che mi deprime pesantemente. Per quanto riguarda la tv un esempio su tutti è quella Simona Ventura: ma che cavolo si urla?

    RispondiElimina
  14. Anna, NO non la nominare! la ventura per me è il concentrato dell'orribile e mostruoso . Mi repelle.
    ma il tuo napoletano anche se grida tiettelo stretto...

    RispondiElimina
  15. Ciao Webmaster mascherato: un post ve lo scrivo volentieri, ma su che cosa? suggerite...

    RispondiElimina
  16. @Artemisia: se un giorno ci incontreremo alzerò la voce, lo prometto!

    RispondiElimina
  17. dato che il nostro è un blog "coop" multiutente, se ti registri sarei ben lieto di ospitare la tua voce...

    Qualche spezzone di filosofia, di tue riflessioni, uno spaccato sui pensieri in musica... Magari una testimonianza sulla vita vissuta a Roma, argomento che mi/ci tocca particolarmente.

    un saluto

    il WM

    ps. ti ho linkata in homepage ^^

    RispondiElimina
  18. Marina@ Anna, NO non la nominare! la ventura per me è il concentrato dell'orribile e mostruoso. Mi repelle.

    Se tu fossi vicina a me in questo momento, ti abbraccerei forte! Non sai cosa provo quando vedo la Ventura o la sento nominare. Devo trattenermi per non esplodere.

    Se fossi un uomo, non la toccherei nemmeno con un bastone. Mi fa senso. Puah!

    RispondiElimina
  19. @Anonimo Webmaster: ti ho perso. Non trovo il link, non so dove mi devo iscrivere, insomma uno sfacelo...
    ma debbo anche dirti che non mi posso impegnare che per un post, perché non ne avrei il tempo
    grazie, marina
    intanto penso

    RispondiElimina
  20. SUS Solo Udibili Sussurri,
    che sono quelli che arrivano dal cuore, dalle nostre emozioni e dalla nostra voglia di ascoltare. C'è chi poi urla perchè non sente la sua stessa voce o forse nel silenzio ha paura di sentire qualcosa!.

    PS: per quando si parla normalmente preferisco anch'io un tono equilibrato di voce; lo considero una forma di rispetto e fiducia reciproca ... e poi effettivamente la voce alta è un pò come il sale, più ti abitui e più ne ne senti più il sapore!!!.
    Ciao

    RispondiElimina
  21. ciao spazio e benvenuto/a! solo udibili sussurri è molto poetico, anche se io mi accontenterei di suoni urbani solamente :-))

    RispondiElimina
  22. webmaster scusa ho fatto un casino. Trovato il link, poi fammi sapere per l'eventuale iscrizione
    ciao, marina

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  24. puoi mandarmi un mail su webmastermascherato(chiocciola)gmail(punto)com e ti accredito come autrice del blog

    scrivi cosa vuoi e quando vuoi senza impegno ^^

    ciao il wm
    il link è
    blogdiout.wordpress.com

    RispondiElimina
  25. Although there are differences in content, but I still want you to establish Links, I do not know how you advice!

    RispondiElimina
  26. You these things, I have read twice, for me, this is a relatively rare phenomenon!
    handmade jewelry

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo