giovedì 8 gennaio 2009

DOVENDO scegliere


Ogni tanto mi succede, e mi è successo ieri sera, di dover spiegare a qualcuno che salta su o si infiamma per una mia frase: Guarda che scherzavo! 

Beh, capirete da voi che quando si è costretti a informare qualcuno che si sta scherzando lo scherzo ne esce umiliato e la comunicazione muore lì. O comunque agonizza. E per quanto mi riguarda l'incontro con quella persona risulta azzoppato. Io mi trovo nella sgradevole posizione di dover controllare il mio spirito ironico (ed autoironico, lo sa chi mi conosce), di dover misurare le parole perché quello che dirò, tutto quello che dirò, verrà preso tremendamente sul serio. Anche quando sarà fatto di levità e sorriso.

Questo mi indispone. Confesso, mi indispone e mi scoraggia. Per la precisione mi fa cadere entrambe le braccia.

Se fosse possibile una definizione univoca delle personalità umane -e facendo finta che lo sia- direi che fra una persona intelligente e cattiva ed una intelligente e buona, mi terrei ben stretta la seconda. E' fin troppo ovvio.

Fra una persona stupida ed una cattiva, a parità di bontà, preferisco avere a che fare con quella cattiva. Quella stupida avrà tutto il mio affetto ma sospetto che possa fare, anche con le sue buone intenzioni, più danni.

La combinazione stupidità e cattiveria è potenzialmente una bomba. Si salvi chi può.

Ma in assoluto e senza eccezioni, le persone prive di senso dell'umorismo sono, a mio avviso,  la rovina del genere umano. Buone o cattive, stupide o intelligenti che siano.
Infatti di persone intelligenti ma refrattarie all'umorismo ce n'è a bizzeffe, come ho potuto constatare recentemente.
Beh, tenetemele lontane. 

Naturalmente per molti di voi io sarò la stupida o la cattiva o entrambe le cose.
Va da sé e non mi preoccupa, è nelle cose lo scambio di giudizi ingenerosi, purché, insisto, io sia al riparo da  quelle prive di senso dell'umorismo. 
Inutile dire che invece non potrete darmi della persona priva di senso dell'umorismo perché questo, ai miei occhi, vi qualificherà immediatamente come persone sorde all'umorismo stesso.
Immodeste dixit.

P.S. Indovinate dove occorrono le faccette sorridenti, dette emoticon.

24 commenti:

  1. "Cose che odio:
    - le persone serie
    -le false bionde
    - lo storicismo
    - gli astemi
    -i furbi
    - i delitti per onore
    -il titolo di dottore...(Dino Buzzati)

    a questo elenco toglierei le false bionde...la cosa mi è totalmente indifferente, e non le giudicherei certamente dal colore di capelli...per il resto sottoscrivo tutto! ;)))

    RispondiElimina
  2. meglio non averci a che fare con le persone prive di senso dell'umorismo, anche perchè atrofizzano il tuo...

    RispondiElimina
  3. di solito questa gente non ha il minimo senso critico...
    gio

    RispondiElimina
  4. le persone senza senso dell'umorismo mi gelano. Mi spiazzano.
    Allora prendo le distanze, rifletto, mi preferisco a loro e ci rido sù.
    Però mi spiazzano...

    RispondiElimina
  5. Sono molto ironica ed autoironica,quando dopo una mia battuta vengo presa alla lettera...semplicemente mi congelo non insisto più.

    Perchè posso avere davanti una persona cattiva quando ci parliamo (o fronteggiamo) il linguaggio che usiamo deve essere chiaro!

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  6. Il mio senso dell'umorismo mi ha spinto a prendere un cucciolo di bassotto e a passare le ore a pulire cacca/pipì mentre il taxolo mi inquina l'anima che dovrei stare a letto a dormire...poco intelligente ma molto ironica!

    ps letto il commento su Sileno. Marina, quanto mi sento vicina al tuo curoe! Io necrofila come te, vago tra tombe di poeti: ho passato ore presso la croce di Turoldo e all'indomani della mia tesi di laurea, ho preso il treno per Stresa per andare a pregare sulla tomba di Rebora. Ho pianto di pena sulla tomba spoglia e desolata di Pasolini, abbandonato a Casarza.

    RispondiElimina
  7. Mi conosci, sai che sono lieve.
    Se non capiscono che sto scherzando, me ne frego alla grande, neanche spiego, anzi, imperterrita continuo. E mi diverto. Ovvio che poi i suddetti individi li cestino.
    Vivo con un uomo che, dopo più di 30 anni, mi fa ridere dalla mattina alla sera e la considero una fortuna impagabile.
    Un bacio, presto ci vedremo. Non è una minaccia :-)

    RispondiElimina
  8. @ Anna, l'importante è che non ti faccia ridere pure di notte...:-)

    RispondiElimina
  9. Ma insomma, che ti e' successo che ti ha avvilito?

    RispondiElimina
  10. Credo di avere un senso dell'umorismo limitato, però non mi disturba chi ce l'ha.
    Che dici, è sufficiente o chiudiamo qui?

    RispondiElimina
  11. Io tra una persona stupida e una cattiva scelgo la stupida che può sempre elevarsi, le persone cattive non mi piacciono per niente e non voglio averci a che fare! Preferirei una persona stupida con un minimo di senso dell'umorismo ;-)
    Ma....visto che non abbiamo indovinato...perdona la stupidità...ce lo dici dove "occorrono" le emoticon?Ciao A'

    RispondiElimina
  12. @Arnicamontana: le formulazioni sono diverse, ci vorrebbe un buon dosatore! Io avrei messo le faccette là dove dico che un giudizio negativo su di me sarebbe ingeneroso e là dove mi ergo a giudice ingiudicabile (ultima frase). Aò, ma ti devo spiegare proprio tutto! (qui la faccetta CI VUOLE! )

    @franca: se avessi letto i commenti di ieri sera ad una mia mail scherzosa sarebbero cadute le braccia anche a te!
    marina
    PS Ho preso il "chiudiamo qui" come una battuta di spirito. Ci ho preso?

    RispondiElimina
  13. fortunatamente sono crescıuta ın una famıglıa che dı senso dell umorısmo ne ha anche troppo!!! quındı sono talmente ıronıca e autoıronıca che potreı stancare anche me stessa
    =)
    (saı ıo non rıesco pıu a scrıvere senza faccıne e mı chıedo come ho fatto senza fıno ad adesso!)

    RispondiElimina
  14. mi è capitato di dover avere a che fare con una stupida intelligentemente cattiva, con uno spiccato senso dell'umorismo ma a senso unico: non lo auguro a nessuno!

    RispondiElimina
  15. Io e una mia amica per capire che tipo era una colega usavamo il metodo della "battuta" se rideva la "faceamo amica", se "tispondeva in modo serio" la depennavamo... E alla lunga la scelta si dimostrava sempre giusta (naturlamente dal nostro punto di vista).
    Ciao, Giulia

    RispondiElimina
  16. @Pietro,
    non a caso ho detto dalla mattina alla sera :-P
    Ma anche di notte non ci sta male una bella risata :-D

    Notare l'abbondanza di emoticon
    :-))

    RispondiElimina
  17. Emotiwhat? LOL!!!!

    Marina ti prego per favore di passare da me per un importante appello per aiutare una madre a conoscere la verità sulla morte di suo figlio e poter sperare di avere giustizia.

    Grazie di cuore, e se mi permetti estendo questa richiesta anche ai tuoi lettori.
    Daniele

    RispondiElimina
  18. la cosa veramente triste, però, è fare dell'ironia e non capire l'ironia altrui. a me è capitato giusto lo stesso giorno tuo: avevo finto di prendere sul serio una frase chiaramente scherzosa, così giusto per provocare una reazione e smuovere un po' i termini. e mi sono sentita rispondere: guarda che scherzavo. sapessi come ci sono rimasta male!
    maricla

    RispondiElimina
  19. @Daniele: conosco e seguo la storia da tempo. Ho già partecipato ad una iniziativa in proposito. ma Santoro ancora non ha risposto. grazie a te, marina

    RispondiElimina
  20. @maricla: benvenuta sul mio blog.
    Immagino che ti siano cadute le braccia.
    Dovremmo accordarci sulla definizione di ironia.
    Termini molto smossi. marina

    RispondiElimina
  21. Avvolte succede che magari la battuta non riesce bene(quando mi succede è veramente fastidioso) oppure ancor peggio si scelgono le persone sbagliate, quelle che non capiscono. Ed è meglio non scherzarci...

    ps Ho bisogno di un tuo contributo, passa appena puoi!

    Grazie

    RispondiElimina
  22. ciao incarcerato ho già spedito la lettera a Santoro, perché grazie a te, conosco e seguo la vicenda da tempo. Speriamo, marina

    RispondiElimina
  23. Una persona priva di spirito è come un cane senza olfatto.
    Cristiana
    Te pareva che non c'infilasse i cani,dirai!

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo