martedì 23 dicembre 2008

chiedimi...

Sa di cadere la foglia?
Si sente arrossire?
No, è la risposta. 
Ma le risposte non sono interessanti.
Solo le domande hanno senso.



Quando insegnavo avevo una vera fame di domande. E cercavo di sollecitarne dai miei alunni. Gli rompevo le scatole fino all'inverosimile.
Scendevo a patti. "Se tu fai A ME una domanda su questo argomento, io NON  la faccio a te". 
E loro abboccavano.  E per farmi la domanda che li avrebbe messi al riparo da una mia erano costretti a fermare il pensiero su quel fatto che fin lì avevano ignorato. Ma devo confessare che indurli a riflettere su un argomento (storia, geografia, narrativa che fosse) non era il mio vero scopo. Non il primo, almeno. La verità è che io amavo le loro domande e non volevo farne a meno. E quando non avevo la risposta ed ero costretta a cercarla con loro, ero particolarmente contenta. Come pure quando dovevo dire: "Questa domanda è troppo difficile per me. Ci devo riflettere. Devo studiare." 
Ma le domande che più mi facevano felice erano quelle assurde, prive di ogni logica e di ogni senso. Quelle che scardinavano il mondo dalle fondamenta e lo lasciavano lì da ricostruire.
Solo i ragazzini sanno fare di queste domande. E uno dei motivi per cui li amiamo, penso, è proprio questo. Perché il loro sguardo interrogativo ci spolvera il pensiero.

Dei ragazzini amo anche le risposte. E quanto più ci sembrano fantasiose ed utopistiche tanto più stanno indicando la sola ragionevole direzione in cui procedere.
Forse per governare il mondo bisogna fare in modo che i ragazzini ci facciano delle domande e che ci diano le risposte.
Ma attenzione: presto, molto presto il ragazzino verrà inghiottito dalla polvere del nostro pensiero. Della freschezza del suo dobbiamo quindi approfittare precocemente, prima che le nostre risposte logiche abbiano soffocato le loro domande folli.

23 commenti:

  1. quanto fortunati sono stati i tuoi alunni?
    ricordo che quando a scuola avevo qualche domanda da fare, spesso, il timore che non fosse giusta o pertinente superava la curiosità...

    ps ho risolto il problema delle foto (dopo questo post ti avrei bombardato di domande, se così non fosse stato!)

    RispondiElimina
  2. @maria rosaria: sei un soggetto spiritoso, vedo !!
    evviva lo spirito!
    marina

    RispondiElimina
  3. Io penso che i tuoi alunni siano stati davvero fortunati...

    RispondiElimina
  4. È che la maggior parte dei ragazzini diventerá vecchia accorpando acriticamente il pacchetto delle risposte preconfezionate, venduto dai gestori del potere attraverso tv, ostie e tessere. Per il rimanente critico, prima o poi arriva il manganello. Piú prima che poi.

    RispondiElimina
  5. Stupendo! Credo pure io che alla base delle risposte fantasiose dei ragazzini ci sia la luce da seguire per risolvere i grossi enigmi.
    Buone feste.
    gio

    RispondiElimina
  6. indurre al pensiero è, secondo me, il miglior metodo che un insegnante (e non solo) possa adottare.

    ché il cervello ha il suo bel peso, nella vita di tutti i giorni e, a volte, pare che qualcuno non se ne renda conto.

    buon natale. :-)

    RispondiElimina
  7. Far scaturire le domande non è cosa da poco! Penso di aver incontrato solo due o tre insegnanti di questo tipo, che però hanno lasciato il segno e sono quelli che mi hanno aiutata a formarmi. Marina, puoi essere fiera di ciò che hai seminato :-)

    RispondiElimina
  8. Prima i tuoi alunni,ora il fortunato è tuo nipote che,penso, già se ne sia reso conto.
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. Quando ripenso in particolare a tre professori (uno per ogni tappa scolastica) mi prende una fitta al cuore, sono stata fortunata.

    Ognuno dovrebbe averne come te.

    RispondiElimina
  10. sono COMPLETAMENTE, VIVAMENTE, GIOCOSAMENTE, FORTEMENTE, INNOCENTEMENTE d'accordo con te!

    buone feste, dolci, calde e affettuose...!

    RispondiElimina
  11. Marina, questo post è perfetto e veramente rivoluzionario; contiene i germi dell'unica soluzione possibile al vuoto affettivo, intellettuale e spirituale in cui questo sistema ci ha collocato. E' il più bello di tutto l'anno, perchè in ogni parola, in ogni frase, in ogni concetto che esprimi c'è verità assoluta. Nei momenti di malumore, ricordiamoci di questo post e facciamoci domande anche folli, riportando alla coscienza il ragazzino che abbiamo dentro (anche a 90 anni).
    Buone feste, Giorgio.

    RispondiElimina
  12. Ragazzi voi siete tutti pazzi, peggio di me! io non ho detto niente di straordinario, lo giuro!
    e la scuola è PIENA di gente più brava di me!
    però, lo dico così en passant, mi avete fatto contenta! :-))
    marina

    RispondiElimina
  13. Sei troppo modesta.
    I tuoi alunni hanno avuto un'insegnante eccezionale e quello che hai seminato resterà un loro patrimonio per sempre.
    Ciao
    Sileno

    RispondiElimina
  14. Spero non ti offenda, ma il tuo post mi ha fatto venire in mente il vangelo in cui Gesù dice: "se non diventerete come bambini non entrerete nel regno dei cieli". Il guaio è che noi adulti i bambini non li ascoltiamo, e non ascoltiamo né le loro domande, né le loro risposte.
    Pace e benedizione
    Julo d.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  16. Julo, non mi offendo davvero! so che tu rispetti il mio pensiero ed io rispetto il tuo! e poi, qualunque cosa sia il regno dei cieli, la frase che citi è molto bella! ancora auguri, marina

    RispondiElimina
  17. “Lasciati guidare dal bambino che sei stato.”
    (José Saramago - scrittore, commediografo e giornalista spagnolo)



    Emiliano?
    ...grazie a te!

    RispondiElimina
  18. Sono d'accordo con te, i ragazzi sono una fonte di pensieri inconsueti e spesso li sottovalutiamo. In base a questa scoperta, ormai da tempo, chiedo a mio figlio un'opinione o come lui si comporterebbe in determinate circostanze, e sai che ti dico, spesso, molto spesso è saggio e lungimirante, nonostante i suoi quattordici anni.

    RispondiElimina
  19. Poldy ha aperto un nuovo fotoblog “in giro per gatti” per pubblicare le foto dei mici degli amici: le micie di casa sono interessate?

    RispondiElimina
  20. E' vero. Bisognerebbe vedere le cose del mondo con i loro occhi privi di polvere.
    Grande Marina! Come sempre.

    RispondiElimina
  21. magarı la tua scuola! ma non tutte! tı gıuro... esıstono talı elementı a fare ı professorı che nemmeno ımmagını... quanto sarebbe bello avere una professoressa come te!

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo