venerdì 7 novembre 2008

mi perplimo...

Ho scoperto che esiste in Psichiatria la Cyber Therapy e che ha persino delle branche e sottobranche.

1-la Email-based therapy, in cui la comunicazione tra l'utente e il Cyber-master (il terapeuta), avviene attraverso uno scambio di mail.

2-la Voice/Video Conference therapy, in cui la comunicazione avviene per mezzo di programmi come Messenger o alternativamente Facebook in cui si può comunicare scrivendo o parlando tramite microfono, con l'eventuale ausilio di una webcam.

3-la Avatar therapy, che prevede l'utilizzo di avatar, cioè di una incarnazione di noi stessi in un personaggio, ed in cui la comunicazione avviene in Second Life.

Esiste una Società Internazionale di Cyber therapy e si è tenuto nel luglio scorso un Convegno mondiale in Italia, a Verbania, in cui si sono magnificati i risultati (90 % dei casi di fobie, attacchi di panico e disturbi dell'alimentazione risolti felicemente).

Senza entrare nel merito e tenendo per me tutte le mie riserve, mi chiedo: esiste un controllo su queste pratiche terapeutiche, in cui è così facile spacciarsi e millantare? O chiunque può andare nel web e dichiararsi terapeuta? Crearsi un piccolo mercato approfittando della sofferenza altrui?

E, soprattutto, il Mago di Arcella lo sa?



IL MAGO DI ARCELLA

15 commenti:

  1. Bella la giacca del mago. Se ha un sito, gli chiedo chi è il suo sarto :-))

    RispondiElimina
  2. è vero anna, sempre attento agli accessori lui.
    francesca

    RispondiElimina
  3. anna e francesca: fa piacere vedere che amiamo lo stesso look!

    RispondiElimina
  4. ?

    Rino, ignorante cronico inguaribile.

    RispondiElimina
  5. @marina

    cosa ti aspetti in un paese governato da un sedicente politico scusa ? ;-)

    RispondiElimina
  6. Cara Marina, il tuo post mi ha emotivamente afflosciato l'anima: si è sgonfiata come una gomma bucata. Che pena, che tristezza! Poi però lo spirito è ripartito e ha detto: oh! bisogna reagire! E allora eccomi qua a balbettarti che:
    1)se qualcosa funziona e fa "guarire", ben venga, qualunque cosa sia;
    2)ciascuno ha dei bisogni diversi e ciò che per uno può essere un farmaco, per un altro può essere un veleno;
    3) in una società che lascia sempre meno spazio alle diversità reali, queste rientrano dalla finestra dell'irrazionale un po' folle.
    Ma sono tentativi di aggiustare una gomma che con i buchi che si ritrova andrebbe necessariamente sostituita.
    Ad maiora!

    RispondiElimina
  7. giorgio: non farti afflosciare l'anima o poi ti tocca ricorrere al mago di Arcella ;-)
    Fuori di scherzo: anche io sono un'empirica: se funziona, ben venga. Ma penso a quante truffe si possono fare sul web!
    ad meliora!

    RispondiElimina
  8. non mi stranizzo più...
    non parlo più...
    resto in silenzio ad ascoltarti
    nella giusta sapienza cui non so competere
    non so combattere...
    "Il soffio d’aria fresca che
    spazza il greve dagli occhi
    è impegno a dimenticare i torti patiti."

    RispondiElimina
  9. Scherzando, quoto il commento di "bip"...
    Facendo i seri, direi che la cosa è pericolosissima e non può reggere il fatto che su qualcuno possa funzionare...

    RispondiElimina
  10. Marina,
    passa da me. Penso che tu saresti la persona più adatta a stilare il testo di quello che ci occorre.
    Se ti andasse di farlo....

    RispondiElimina
  11. CyberTherapia?...funziona...l'importante è che sia condotta nel modo giusto e con i giusti propositi.
    ...vedo che qualcuno ha letto qualche blog!
    Un saluto a tutti!

    RispondiElimina
  12. ciao, cybermaster, di blog sulla cyber therapy ne ho letti più di "qualche"; probabilmente il tuo è quello che la definisce nel modo più chiaro. Se non ho citato né te né gli altri (che conoscerai sicuramente) è perché non intendo suggerire percorsi terapeutici a nessuno, di nessuna natura, tanto meno percorsi verso i quali provo dello scetticismo. Ma tu hai comunque trovato il modo di far conoscere il tuo blog
    ciao, marina

    RispondiElimina
  13. Fidarsi di web terapie? Sicuramente se sono serie potrebbero essere efficaci, ma non credo che siano tutte corrispondenti a realtà effettiva. Second life, poi!
    Ciao Marina, sono tornata a trovarti dopo tempo immemorabile, anche perchè ho aggiornato il mio blog. Spero di non trascurarlo più.
    Buona domenica, Lena

    PS: bella la giacca del mago! ^__^

    RispondiElimina
  14. Lavoro in psichiatria da più di 10 anni ed è grazie a te che scopro queste succose novità. Mi organizzerò spacciandomi per insigne cyberluminare, facendomi pagare le chattate un tot al minuto. :)

    RispondiElimina
  15. @Lena: ogni volta che passi mi fai piacere, lo sai. Io penso che il mondo web può preparare delle terribili trappole, dalle quali è più difficile difendersi

    @ Michael: vedi? non eri aggiornato! ti ho aperto un nuovo mercato...
    marina

    @ tutti: vedo che la giacca del Mago di Arcella ha riscosso un notevole successo. vedrò di farmi dare il nome del sarto..
    buona domenica a tutti, marina

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo