mercoledì 20 febbraio 2008

una poesia di Emily

Tenevo un gioiello fra le dita-
e mi addormentai-
Il giorno era tiepido, i venti monotoni-

Mi svegliai e sgridai le mie dita innocenti,
la gemma era sparita-
E adesso, un ricordo di ametista
è tutto ciò che mi resta.


Emily Dickinsin disegnata da Tullio Pericoli

8 commenti:

  1. Bellissima! Bellissima tu ed il tuo modo di ricordare lei.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Magari era ora che quella gemma andasse...

    RispondiElimina
  3. Le cose preziose possono anche scomparire, ma restano sempre vive nel nostro cuore.
    Marina, non permettere alla disperazione di impossessarti di te. Vivi il dolore, ma vivilo vivendo.
    Un bacio.
    Anna

    RispondiElimina
  4. Marina, eccomi qui. Con calma. Nel web. Nuovamente. Mi spiace per la tua perdita. Un pezzetto di cuore, la tua amica, l'ha portato con se.
    Fortuna che il tuo, di cuore, è tanto grande...
    Se non ci fossi tu, a farmi leggere le poesie... io che di sola prosa, mi nutro..e di musica.... Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Vi ringrazio tutti, vi abbraccio tutti e vi garantisco che sono qui sulla breccia, confortata da tanto affetto
    ciao marina

    RispondiElimina
  6. La Dickinson è immensa. Una delle persone del passato che vorrei incontrare.
    Luciano / Idefix

    RispondiElimina
  7. Un abbraccio perchè tu senta che ti sono vicina e se vuoi sai dove trovarmi, Giulia

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo