sabato 19 gennaio 2008

la strega e il pupazzo

Ripescata dalla notte dei tempi per un'amica alle prese con un soggetto difficile.

Ma quale libbertà famme er piacere
ma nun t’accorgi quanto sei legato?
che guizzi fai, che zompi ner paniere
come fa er pesce appena ch’è pescato?

E qui nun ce sta amo, nun c’è lenza
nun ce sta rete, ce sei sortanto tu
che nun te sai tuffà, abbi pazienza,
buttatte a fonno e nun pensacce più!

Er core vivaddio è ‘na fisarmonica
de spazio dentro ce n’è proprio tanto
ma chiusa e appesa ar muro è solo comica
che te ne fai si nun ne cacci er canto?

A fa l’amore sai nun ce vo gnente
ma a dì, guardanno n‘faccia na perzona,
quer che te sòna dentro e come sòna
nun è robba che impari facirmente.

Io però nun ciò voja d’ansegnatte
che già na vorta ciò rimesso le penne
io do e l’artro, come le mignatte,
invece prenne e succhia, succhia e prenne.

Diventa umano? e sai quanto me frega!
cresce? se fa più ricco? e sì, sti cazzi!
se stufa puro lei, puro la strega
de fa diventà omini i pupazzi!

12 commenti:

  1. Strepitosa!!!!! E non dico altro.
    Baci.

    RispondiElimina
  2. Scusa Marina, ma questa delizia chi l'ha scritta?

    RispondiElimina
  3. Ma me medesima, ovviamente!
    ciao marina

    RispondiElimina
  4. Non avevo dubbi! Ti voglio bene.

    RispondiElimina
  5. Straordinaria filastrocca! Con le sue colorate e colorite quartine racconta la situazione di molte.
    Brava, Marina. Pur se dalla notte dei tempi, conserva ancora tutta la sua attualità (la filastrocca, intendo, non Marina!).
    Ma chi è questa amica alle prese con un soggetto difficle? Non si farà mica soverchiare? Come possiamo aiutarla? Dille che qua c'è un manipolo di streghe pronte a dare man forte! Non aspettiamo altro che d'intervenire!

    RispondiElimina
  6. Sei fortissima, una fonte insesauribile, Un abbraccio, Giulia

    RispondiElimina
  7. E allora se vi va intervenite! Mi piace da impazzire l'idea di un manipolo di sterghe pronte a riunirsi per mescolare consigli d'amore. E' un immagine così intima...

    RispondiElimina
  8. strega con relativi spiriti familiari e calderone pronta all'appello!

    RispondiElimina
  9. Entro in punta di piedi,ma mi è piaciuto il commento che hai lasciato da Anna,troppo forte.
    Roberto

    RispondiElimina
  10. @ Marina:Protesto formalmente: avevo messo un commento e non compare
    Mi censuri? censuri i commenti troppo positivi?
    devo essere critica per forza?
    -----
    @ Baluginando: E no, eh! Il commento NON è pervenuto e urge che tu lo replichi!
    Commento troppo positivo?! Non vedo l'ora di leggerlo!
    Ripetilo subito, per favore; la mia vanità scodinzola bramosa. Arf, arf, arf.
    Smack.

    RispondiElimina
  11. Un abbraccio alle streghe, vi vedo belle agguerrite...

    ciao roberto, e benvenuto; grazie, effettivamente "questa cosina" come diceva Petrolini, sul blog di Anna mi è venuta bene ;-)

    hei balù, smettila di scodinzolare;ripasserò..
    ciaomarina

    RispondiElimina
  12. finalmente sono riuscita a commentarti
    si aprivano le finestrelle ma non compariva la pagina dei commenti
    blogspot ogni tanto fa le bizze
    bella questa poesia
    io adoro le streghe e anche i pupazzi, che costruisco con le mie mani
    ma, meglio streghe o meglio fate???
    erica

    RispondiElimina

Non c'è niente di più anonimo di un Anonimo